Sport

Ultima modifica: 19 Maggio 2019 20:07

Dennis Brunod e Charlotte Bonin vincono il Tor de Gargantua

Gressan - Nuovo percorso per la gara attorno e sopra la morena ma tanto tifo e competizione: Brunod precede Ascenzi e Ranfone, la padrona di casa batte Barailler e Corolla. Alessandro Benati primo al traguardo volante.

Partenza Tor de GargantuaPartenza Tor de Gargantua 2019

Dopo 42 edizioni, si cambia: il 43° Tor de Gargantua si è presentato ai 125 partenti con diverse novità, reso più duro in alcune salite ma anche molto veloce nella parte conclusiva. Non è cambiata la sostanza, con circa 10 km di lunghezza e 300m di dislivello e tanta gente lungo le vie del paese, oltre alla solita lunga festa finale, a cui oggi segue il Tor de Crottes.

Non cambia neanche la regina che, come ormai d’abitudine in queste martze a pià, è la padrona di casa Charlotte Bonin, che ha vinto in 42’56” (16° assoluta) davanti a Federica Barailler (45’01”) e Ambra Corolla (47’06”). Il “solito” Alex Ascenzi, invece, si deve “accontentare” del secondo posto dietro Dennis Brunod, che ha vinto in 36’59” precedendo di 31” il giovane dell’Atletica Cogne e di 2’34” l’altro neroverde, Marco Ranfone.

Podio maschile Tor de Gargantua Ascenzi Brunod Ranfone
Podio maschile Tor de Gargantua: da sinistra Alex Ascenzi, Dennis Brunod e Marco Ranfone

E sempre della Cogne è anche il vincitore del traguardo volante, posto in cima alla nuova salita in frazione Ronc: Alessandro Benati ha battuto la concorrenza di Brunod ed Ascenzi.

Alessandro Benati nei pressi del traguardo volante
Alessandro Benati nei pressi del traguardo volante

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>