Sport di Orlando Bonserio |

Ultima modifica: 24 Marzo 2021 8:46

Federica Brignone vince i campionati italiani di slalom

livigno - Primo titolo italiano nello slalom per Federica Brignone, che si aggiunge ai quattro in Gigante, due in Combinata ed uno in SuperG, conquistato oggi dalla valdostana a Livigno, in provincia di Sondrio, dove fino a domenica saranno messi in palio i titoli tricolori. Seconda tra le Giovani Sophie Mathiou.

Federica Brignone Photo Gabriele Facciotti PentaphotoFederica Brignone Photo Gabriele Facciotti Pentaphoto

Primo titolo italiano nello slalom per Federica Brignone, che si aggiunge ai quattro in Gigante, due in Combinata ed uno in SuperG, conquistato oggi dalla valdostana a Livigno, in provincia di Sondrio, dove fino a domenica saranno messi in palio i titoli tricolori.

Seconda a metà gara, Federica Brignone in 1’32”59 fa registrare il miglior crono nella seconda, precedendo di 34 centesimi l’altoatesina Vera Tschurtschenthaler (1’32”93) e di 67 l’altra altoatesina, al comando al termine della prima manche, Vivien Insam (1’33”26).

Undicesimo posto assoluto, ottavo agli italiani e seconda tra le Giovani Sophie Mathiou (1’34”53) seguita da Martina Perruchon (1’35”15); quindicesima delle italiane Carole Agnelli (1’36”01, 5° Giovani).

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo