Basta un po’ di educazione di Licia Coppo |

Ultima modifica: 6 Marzo 2020 11:06

Coronavirus, come le famiglie possono affrontare la chiusura della scuola

Aosta - Le riflessioni di Licia Coppo su come affrontare la pausa forzata e inaspettata che impedisce a bambini e ragazzi di andare a scuola, ma non sospende l’attività didattica al centro della rubrica "Basta un po' di educazione".

classi vuote, scuole chiuse

Eccoci qua. Tutti un po’ impreparati a gestire un’emergenza che si sapeva sarebbe arrivata, ma come gli struzzi abbiamo vissuti tutti, o quasi, nell’illusione che tra i monti il Coronavirus non sarebbe arrivato, o che lo avremmo circoscritto in poco tempo nei comuni lombardi. Codogno, Lodi, ormai siamo esperti di geografia, di virus, siamo tutti epidemiologi. Ma poco previdenti. Ed ora tutti a stupirci, o lamentarci, di un provvedimento, evidentemente necessario, come quello della chiusura nazionale delle scuole.

Quello che forse non sappiamo fare bene, in famiglia e soprattutto nel mondo della Scuola, è affrontare al meglio questa strana fase di emergenza sanitaria. Che, non vorrei sembrare Cassandra, dubito si fermerà a breve. Credo che questa non sarà la prima chiusura nazionale delle scuole che dovremo sostenere. Prepariamoci. Ce lo dicono i dati statistici. Didattica a distanza, smart working, mutuo-aiuto tra famiglie, saranno le parole che ci accompagneranno, temo, ancora per qualche mese.

Come affrontare allora questa pausa forzata, che impedisce a bambini e ragazzi di andare a scuola, ma non sospende l’attività didattica? Condivido due riflessioni del pedagogista Bertagna che dice: “Le scuole si stanno muovendo inviando sempre più lezioni e compiti da fare: non è questa la strada giusta. Maria Montessori spiegava che per avere qualcosa di buono a distanza devi sempre collegarti a una presenza. Le maestre della primaria, soprattutto, mandino messaggi personali ai loro alunni, in accordo con i genitori, per chiedere come stanno, non per caricarli di esercizi. Ciascun bambino deve capire che la maestra pensa a lui e, insieme, a ciò che lui può imparare dalla situazione in cui si trova”. Ed io aggiungo che è prioritario che anche i prof della scuola secondaria trovino il modo per rimanere in relazione con i loro alunni. Dare solo esercizi per tenere allenati i ragazzi, come fosse estate, non è una buona strategia.

E per chi lavora, con i figli a casa da scuola, come si fa? Ancora Bertagna, in modo molto sintetico, ci dice: “Va riscoperta la dimensione cooperativa della genitorialità. Condividete tutto: baby sitter, tempo, nonni. Organizzatevi tra famiglie: oggi li tengo io, domani tu programmando insieme alla scuola il tempo come un’opportunità di crescita pur in questa difficoltà. Va ricostruita una relazione emotiva e sociale coi figli, dove la scuola è presente in modo collaborativo, non in esonero dalle responsabilità”.

Se invece volete leggere le mie riflessioni più articolate, con spunti pratici per i genitori e indicazioni concrete per la didattica per i docenti, leggete qui https://liciacoppo.it/blog/famigliascuola-ai-tempi-del-coronavirus/ sul mio blog la mia idea di “Famiglia&Scuola ai tempi del Coronavirus”. Cavoli, sembra quasi il titolo di una serie TV!

 

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo