Cipolline in agrodolce

Il loro gusto inconfondibile saprà portare l'allegria su ogni tavola.
AC DA A EA FFFBB
casseDrôle

Da mangiare subito come ottimo contorno ad un arrosto o da conservare in vaso, pronte da servire ad ogni evenienza, queste cipolline sapranno regalarvi davvero un momento di estasi culinaria.

Ingredienti

1 kg di cipolline già pulite

250 ml di brodo vegetale

200 ml di aceto di vino bianco

4 cucchiai di zucchero semolato bianco

1 gr di pepe nero

2 gr di sale fino

4 cucchiai di olio evo

20 gr di burro

Inizierete lavando bene le cipolline sotto acqua corrente, eliminerete le eventuali parti rovinate o scure, con un coltello.

In una pentola antiaderente dai bordi alti metterete a scaldare l’olio evo e il burro.

Una volta sciolto il burro potrete versare le cipolline che lascerete rosolare per 5 minuti a fuoco medio.

Alzerete la fiamma e aggiungerete il brodo vegetale e metà dell’aceto quindi addizionerete lo zucchero, il sale e il pepe nero.

A fuoco vivace dovrete lasciare ridurre i liquidi, rimestando di quando in quando, sino a che quasi abbiano a scomparire caramellandosi e conferendo alle cipolline un colore ambrato, simile a quello dell’aperto balsamico. Per questa operazione saranno necessari circa 20 minuti.

Raggiunta la caramellizzazione dei succhi sarà il momento di alzare la fiamma al massimo e sfumare con l’aceto rimasto.

Una volta che l’aceto aggiunto sarà ridotto e sfumato le cipolline saranno pronte.

Da consumarsi tiepide o fredde, le cipolline in agrodolce saranno perfette come antipasto o contorno, per rallegrare i vostri pranzi e le vostre cene casalinghe.

Buon fine settimana e rammentate sempre che il cibo è vita quindi meglio sia buono!

P.S. Non scordate di seguire la casseDrôle anche su Instagram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati