casseDrôle di Francesco Corniolo |

Ultima modifica: 5 Luglio 2019 17:54

Gazpacho

Aosta - La famosa zuppa fredda andalusa, per iniziare un pranzo estivo da leccarsi i baffi.

GazpachoGazpacho

Contro la calura di questi giorni vi propongo una tipicità dell’Andalusia, regione iberica tra le più calde; una zuppa fredda anzi ghiacciata che introdurrà, con freschezza e colore, i vostri pasti estivi.

Ingredienti per 4 persone

1 peperone rosso

1 cetriolo medio

1 cipolla bianca

2 pomodori maturi e carnosi

100 gr di pane raffermo

50 ml di aceto di vino bianco

250 ml di acqua

4 cucchiai di olio evo

10 cubetti di ghiaccio

sale, pepe nero

Per la decorazione

1 costa di peperone verde

1 costa di peperone giallo

1 costa di peperone rosso

3 cetriolini sott’aceto

100 gr di Parmigiano Reggiano

La preparazione sarà tutta quanta a freddo. Metterete in pane raffermo in ammollo nell’aceto. Laverete tutte le verdure tagliandole a pezzettoni, le introdurrete in un frullatore aggiungendo l’acqua, il ghiaccio, il sale, il pepe, l’olio e il pane ammollato. Frullerete quindi il composto per qualche minuto.

Per ottenere una crema fresca e vellutata dovrete passare la zuppa per le maglie di un colino. Potrete prepararla in anticipo, rispetto all’ora di servizio, conservandola in frigorifero, l’aceto contenuto nella preparazione fungerà da antiossidante e non consentirà al gazpacho di scurirsi.

Taglierete poi dei quadratini di peperone crudo e di cetriolini che utilizzerete come decorazione, quasi fossero dei crostini vegetali.

Preparerete poi una cialda di Parmigiano con l’aiuto di una pentola antiaderente fatta riscaldare; vi cospargerete il Parmigiano grattugiato sulla superficie, facendo attenzione a non lasciare buchi nella texture. Una volta che il Parmigiano sarà fuso e si sarà legato insieme, lo rovescerete su un foglio di carta da forno, spezzandolo, una volta freddo, a formare delle cialde.

Questa zuppa gustosa vi sorprenderà!

Come sempre vi auguro buon appetito ricordandovi che il cibo è vita quindi meglio che sia buono.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>