casseDrôle

Ultima modifica: 23 Agosto 2019 17:53

Peperoni, tonno e olive

Aosta - Oggi per voi peperoni spettacolari per offrire un antipasto indimenticabile.

Peperoni tonno e olivePeperoni tonno e olive

Andiamo ancora di conserva! Quest’oggi prepareremo un antipasto talmente buono che non vi basterà mai, quando lo metterete in tavola e lo assaggerete per la prima volta vorrete averne prodotte delle quintalate e quindi le dosi di questa settimana saranno, non voglio dire esose, ma corpose sì.

Ingredienti

1 Kg di peperoni rossi

1 Kg di peperoni gialli

220 ml di olio evo

200 ml di aceto di vino bianco

30 gr di prezzemolo tritato

250 gr di tonno sott’olio sgocciolato

10 filetti di acciuga

30 capperi dissalati

100 gr di olive taggiasche denocciolate

20 gr di zucchero bianco

2 gr di sale fino

Inizierete col mondare i peperoni sciacquandoli sotto acqua corrente, eliminando i semi al loro interno e le parti bianche attaccate alla polpa, che risultano sempre un poco più amare e meno digeribili. Se la verdura non è di vostra produzione io consiglio sempre un bagno in acqua e bicarbonato di sodio, per eliminare sporcizia, diserbanti ed eventuali concimi chimici.

Taglierete i peperoni a listarelle o a rombi, e li lascerete asciugare in uno scola pasta. In una pentola piuttosto capiente dovrete inserire gli ingredienti: olio, aceto, acciughe, capperi, zucchero, sale e i peperoni e dovrete far bollire il tutto per una decina di minuti; trascorso questo tempo aggiungerete il tonno e le olive e lascerete andare, a fuoco vivo, per ancora 5 minuti.

Potrete sistemare i vostri gustosi peperoni nei loro vasetti sterilizzati mentre sono ancora caldi. Dovrete poi procedere alla bollitura dell’antipasto, per ottenere il sotto vuoto tipico delle conserve, come spiegato qui.

Perché acquistino un sapore intenso e speciale dovrete attendere almeno un mese, prima di stappare il primo vasetto e consumarlo; mi rendo conto che l’attesa sarà estenuante ma ne varrà la pena!

Augurandovi, come di consueto, un felice fine settimana vi ricordo che il cibo è vita quindi meglio sia buono.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>