Un epidemiologo per amico di Luca Peano |

Ultima modifica: 14 Giugno 2021 12:30

Coronavirus: l’analisi dei dati valdostani

Aosta - La campagna vaccinale procede malgrado gli stop and go dei vaccini a vettore virale (AstraZeneca e Johnson e Johnson). Alla data dell’11 giugno (fonte Fondazione GIMBE) in Valle risulta aver completato il ciclo vaccinale il 23,1% della popolazione generale

Stima settimanale RtStima settimanale Rt

La Valle d’Aosta è ancora in fascia gialla, malgrado tutti i parametri siano in calo, da molti giorni non si verifichino decessi e la Terapia Intensiva non abbia più pazienti Covid. La sola stima di Rt, che indica il tasso di riproduzione del contagio, si mantiene intorno allo 0,80 (in Italia è a 0,68). Ciò significa che il virus continua a diffondersi, ma è anche evidente che la campagna vaccinale concentrata sui soggetti anziani e su quelli più fragili sta dando i suoi frutti nel limitare fortemente i casi gravi di malattia. Tutti miei grafici che confermano quanto sopra sono derivati dai dati ufficiali del Ministero della Salute e dalla Protezione Civile, e sono aggiornati al 12 giugno.

Stima Rt
Stima Rt
Stima settimanale Rt
Stima settimanale Rt
incidenza decessi
incidenza decessi
incidenza Terapia intensiva
incidenza Terapia intensiva
incidenza ricoveri
incidenza ricoveri
incidenza nuovi casi
incidenza nuovi casi

Possiamo dunque ragionevolmente prevedere un’estate a bassa incidenza di malattia, il che significa maggior libertà di movimento. Inutile insistere sull’opportunità di mantenere dei comportamenti individuali prudenti: sostanzialmente lavaggio delle mani, distanziamento, areazione degli ambienti chiusi e mascherina nel caso si debba rimanere a lungo in ambienti confinati con altre persone.

La prova del fuoco ci sarà a mio parere in autunno, quando la campagna vaccinale sarà probabilmente conclusa. A quel tempo dovremmo avere anche maggiori informazioni sulla durata dell’immunità naturale, quella indotta dalla malattia, e di quella artificiale, indotta farmacologicamente. Potremo così verificare sul campo se il vaccino sarà in grado di evitare un’ulteriore ondata pandemica o se prevarranno i fenomeni stagionali.

Rimane sempre l’incognita se tra le nuove varianti, che sono continuamente prodotte dal virus per la sua stessa natura, alcune dimostreranno maggiore diffusibilità e/o maggiore patogenicità. L’unica nostra arma al riguardo è quella di vaccinare velocemente tutta la popolazione: ahimè su scala planetaria, e non nazionale o tantomeno regionale.

La campagna vaccinale procede malgrado gli stop and go dei vaccini a vettore virale (AstraZeneca e Johnson e Johnson). Alla data dell’11 giugno (fonte Fondazione GIMBE) in Valle risulta aver completato il ciclo vaccinale il 23,1% della popolazione generale, l’84,6% degli over 80 ed il 53,5% della fascia di età 70-79 anni. Negli stessi gruppi, le percentuali di coloro che non hanno ancora iniziato il calendario vaccinale sono ancora il 54,5%, il 7,9% ed 14,4%. Questi dati, come si vede nei grafici a torta, sono molto simili alle medie nazionali.

dati vaccinazioni VdA
dati vaccinazioni VdA
dati vaccinazioni VdA
dati vaccinazioni VdA

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo