Si chiude la campagna di Vda Libra/Partito animalista. “Non siamo i burattini di nessuno”

Ultimo comizio, prima del silenzio elettorale, per Vda Libra/Partito animalista. "Vogliamo governare e vogliamo farlo mantenendo fede a ciò che promettiamo ai cittadini".
Vda Libra/partito animalista
Elezioni Regionali Valle D’Aosta 2020

Con il comizio di Vda Libra/partita animalista cala il sipario sulla campagna elettorale. L’incontro di chiusura si è tenuto questa sera al salone Ecoworking di Quart ed è stata l’occasione per il movimento per tirare le somme di una campagna impegnativa e che per alcuni è stata una totale novità.

I candidati hanno voluto ribadire, un’ultima volta prima del silenzio elettorale, i punti chiave del loro programma politico. Non solo onestà, responsabilità e sensibilità, ma anche semplicità, amore per gli animali e per l’ambiente e chiarezza nel contratto sociale stipulato coi cittadini elettori.

“Vogliamo governare” dice Roberto Cognetta “e vogliamo farlo mantenendo fede a ciò che promettiamo ai cittadini, si tratta di essere coerenti con quello che si dice di voler fare. Il tutto dando ascolto e collaborando con le altre forze politiche in Consiglio senza le quali sarebbe difficile fare qualsiasi cosa. Chiaramente non daremo ascolto ad alcun tipo di padrino/padrone, questa è la libertà che vogliamo, questo è il senso del nostro nome: Vda libra”.

Parla di “grande sfida” il collega Stefano Ferrero. “Guardiamo e guarderemo tutti negli occhi, specialmente  gli avversari, soprattutto i pregiudicati. Vogliamo uscire da questa gabbia della malapolitica e anche da quella dell’egemonia dei partiti nazionali: non siamo i burattini di nessuno”.

A cui fa eco Mauro Caniggia Nicolotti: “Vda libra nasce per dare risposte, per restituire un senso identitario alla nostra comunità. E per farlo è importante capire chi siamo, da dove veniamo, senza l’ingerenza di agenti esterni. Personalmente penso che tutto questo sia da ricercarsi nel questo nostro “statuto speciale” che una volta studiato e compreso a fondo sarà rivelatore”.

Segue poi Mariateresa Casella: “Bisogna cambiare e per farlo bisogna volerlo. Siamo persone semplici, altruiste e capaci. Penso che la tutela dell’ambiente, del territorio e dei suoi prodotti sia la vera chiave di volta per riuscire a ricostruire dei saldi punti di forza per la nostra regione. Questo al pari della lungimiranza e della progettazione per il futuro e per i giovani.”

Conclude Enzo Blessent: “La nostra è una lista composita. Siamo persone che vengono dalla società civile, persone normali. Facciamo dell’onestà, della competenza e della coerenza le nostre stelle polari. Questo sono valori che sento miei e che ho fatto miei nel tempo. Chi mi conosce lo sa e sa anche che sono un fanatico del lavoro di squadra: se lavoriamo tutti insieme e collaboriamo porteremo a casa grandi, immensi risultati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Elezioni Regionali Valle D’Aosta 2020

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte