Approvato progetto definitivo per abbattere i “grattacieli” di quartiere Cogne

La Giunta comunale di Aosta ha approvato il progetto definitivo dei lavori di demolizione dei grattacieli di via Capitano Chamonin e di via Elter – nel quartiere Cogne – con un quadro di spesa di 5,1 milioni di euro. La volontà è quella di avviare i lavori nel 2024.
Comuni

Alla fine, il prezzo è fatto ed il progetto c’è. La Giunta comunale di Aosta ha approvato il progetto definitivo dei lavori di demolizione dei grattacieli di via Capitano Chamonin e di via Elter – nel quartiere Cogne – con un quadro di spesa di 5,1 milioni di euro.

Si tratta dell’ultima fase progettuale a carico del Comune prima della procedura di appalto integrato che vedrà le imprese redigere direttamente il progetto esecutivo che verrà poi valutato in gara con il sistema dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

“È una ‘pietra miliare’ nel processo che condurrà alla demolizione dei grattacieli, interamente finanziato tramite l’avanzo di amministrazione dell’ente – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Corrado Cometto –. L’iter, particolarmente complesso, ha visto l’intervento di vari soggetti, tra cui l’Arpa, al fine di garantire, durante le operazioni di demolizione e di smaltimento delle macerie, la massima garanzia di sicurezza per il quartiere e la città tutta”.

E prosegue: “Anche l’appalto sarà complesso, e i tempi non saranno brevi: dapprima verrà completata la concertazione con la Stazione unica appaltante regionale che effettuerà autonomamente l’appalto, dopodiché l’impresa aggiudicataria dovrà redigere il progetto esecutivo sulla base dell’offerta presentata e, una volta approvato l’elaborato, si darà corso ai lavori che contiamo di poter avviare nel 2024”.

È pronto il progetto definitivo per abbattere i “grattacieli” di quartiere Cogne

27 luglio 2023

Il classico “dado” era stato tratto in Commissione, qualche giorno fa. Ora, con l’approvazione di questa mattina in Consiglio comunale – con la sola maggioranza in aula, dato l’“Aventino” dell’opposizione – il progetto definitivo per la demolizione deigrattacielidi quartiere Cogne c’è. Così come i 5 milioni di euro per farlo, stanziati dall’ultima variazione di bilancio.

“I ‘grattacieli’ non sono stati mai così vicini al momento clou – ha detto in conferenza stampa l’assessore ai Lavori pubblici Corrado Cometto. Un progetto definitivo non c’è mai stato. Ora c’è, ed è approvabile perché ci sono anche le risorse. Oltre alla data, con i rincari, nel tempo si è gonfiato anche l’importo. È un progetto che sembra facile ma è complesso”.

L’incognita restano in tempi, ma Cometto spiega: “Essendoci le verifiche da fare in mezzo è sempre difficile fare cronoprogrammi precisi. Diciamo che se l’impresa ha un certo tempo per fare il progetto esecutivo (dato che si è deciso per l’appalto integrato, che prevede l’esecutivo in capo alla ditta aggiudicataria), immaginiamo tre o quattro mesi, più la prossima verifica, è probabile che il prossimo anno si inizi a demolire”.

Oltre i “grattacieli”

Il sindaco di Aosta Gianni Nuti e l'assessore ai Lavori pubblici Corrado Cometto
Il sindaco di Aosta Gianni Nuti e l’assessore ai Lavori pubblici Corrado Cometto

L’occasione, per la Giunta, è però quella di presentare la maxi-variazione di bilancio approvata questa mattina in “splendida solitudine” dalla maggioranza.

“È una variazione importante dal punto di vista finanziario, con 14 milioni di euro in parte investimenti e 1 milione in parte corrente – ha detto il sindaco di Aosta Gianni Nuti -. La portata della quota investimenti ci permette di finanziare una serie di lavori pubblici promossa grazie anche al cofinanziamento Pnrr ma per i quali si è registrato un aumento dei costi dei materiali con cui edificare. Costi, tutti, aumentati vertiginosamente. Per questo abbiamo messo un po’ di ‘grano nel fienile’, ed oggi lo utilizziamo mantenendo una parte di bilancio residuale, considerata una soglia di sicurezza, mentre il resto lo stanziamo”.

Per la parte corrente le cifre parlano di 365mila euro in più sul budget per il Piano assunzioni del Comune, un incrementato di 190mila euro per le manutenzioni ordinarie sui giardini e le aree verdi della Nuova Università che presto saranno a disposizione dell’Ente, risorse in più per le luminarie natalizie, 100mila euro ulteriori per le manifestazioni turistiche, 190mila per quelle culturali, 40mila euro in più per Ététhéâtre più fondi in salita per i centri estivi e nuovi interventi di street art.

 

Gli investimenti

Lato investimenti, Cometto spiega che oltre ai “grattacieli”: “2,2 milioni di euro serviranno per appaltare entro l’anno i lavori per la pista di atletica. C’è il progetto esecutivo, da appaltare, per il restyling dei portici del Municipio per 150mila euro. Per i lavori sulle strade stanziamo 1,8 milioni che si sommano ai finanziamenti per riqualificare via Monte Émilius e la rotonda di via delle Betulle, più altri piccoli interventi di messa in sicurezza”.

A questi si aggiungono anche un ulteriore finanziamento per il “Giacosa” che potrà così essere riaperto, e altre opere di manutenzione straordinaria oltre agli interventi sul bacino di Gotreau.

Anche sul quartiere Dora c’è qualche novità: “Oggi, con una delibera stanziamo 750mila euro per la realizzazione della nuova mensa scolastica – aggiunge Cometto -, e anche per essa siamo al progetto esecutivo. Mentre per il nuovo asilo e altre opere già aggiudicate – tra le quali il parco e l’intera “rigenerazione” della zona – l’inizio dei lavori è previsto per settembre”.

“Se non avessimo fatto questa manovra avremmo rischiato di perdere milioni di fondi Pnrr – chiude il sindaco Nuti -. E molte municipalità come la nostra li stanno già perdendo, perché le finanze che hanno non riescono a coprire gli aumenti di prezzi. Abbiamo riportato in vita progetti nei cassetti da anni, cercando di cogliere questa occasione imprendibile”.

La Commissione: l’avanzo di amministrazione servirà (anche) per abbattere i “grattacieli”

20 luglio 2023

La terrazza tra i due “grattacieli”

A fine aprile, durante i lavori in Commissione consiliare per il rendiconto di bilancio, la vicesindaca di Aosta Josette Borre l’aveva detto: l’avanzo di amministrazione, in crescita, sarebbe servito per “tamponare” il rialzo dei prezzi e delle materie prime. Ma non solo. Anzi, la verifica degli equilibri di bilancio serve anche per attingere all’avanzo una cifra precisa, che servirà per l’abbattimento deigrattacielidel quartiere Cogne.

Borre ha spiegato: “Le maggiori risorse a disposizione ci permettono di aumentare le spese per le manifestazioni turistiche e culturali, quelle per i centri estivi, lo smaltimento rifiuti, le luminarie natalizie, lo sgombero neve e alcune voci sulle manutenzioni degli stabili ma, soprattutto, per la parte più rilevante: le spese di investimento per finanziare gli interventi Pnrr che hanno visto un rialzo dei prezzi importante. E, una grossa parte dell’avanzo sarà destinata all’abbattimento dei grattacieli che comporterà un intervento di oltre 5 milioni”.

Nel dettaglio, i residui ancora da incassare passano da 8,2 milioni a 4,9. 10,4 cono invece i milioni relativi alle entrate extratributarie, quindi entrate patrimoniali per il servizio idrico e per le violazioni del Codice della strada (con le sanzioni che cubano a 1,3 milioni l’anno), che però risultano in ribasso.

Riguardo le entrate – ha detto Borre – “La previsione è superiore rispetto agli anni precedenti, anche con cifre importanti. Gli incassi dall’Irpef aumentano rispetto al previsionale, mentre l’Imu fa risultare un valore analogo rendendo attendibile un aumento di 140mila euro l’anno”.

“C’è stato un ulteriore riparto da 332mila euro da parte dello Stato per il ‘caro bollette’ – aggiunge la vicesindaca –, mentre accantoniamo 1 milione 268mila euro per gli aumenti contrattuali”.

Riguardo le spese, invece, “il fondo spese legali è ampiamente capiente, dopo la verifica fatta – ha spiegato ancora –. Non si procederà ad una sua riduzione per ragioni di prudenza”. Invece, “abbiamo adeguato, riducendolo di 73mila euro il fondo crediti di dubbia esigibilità, che passa quindi a 2 milioni 527mila euro”.

L’imposta di soggiorno

Dai banchi dell’opposizione, la commissaria Sylvie Spirli (Lega) ha chiesto lumi sull’imposta di soggiorno – addebitata ai turisti – dopo l’approvazione in Consiglio Valle della nuova legge che la vede, ora, obbligatoria in tutti i Comuni. “Per il 2023 è previsto un maggior introito per 40mila euro – ha detto –. Ad oggi l’imposta di soggiorno per il Comune, stimata, a quanto ammonta? Poi, a seguito di quanto votato in Consiglio regionale, cosa intende fare questa Amministrazione? Manterrà l’imposta com’è o la modificherete?”.

Borre replica che “Negli anni antecedenti alla pandemia la cifra si aggirava attorno a 120mila euro annui. Ora un po’ difficile, visto l’ultimo triennio, con dati falsati dall’emergenza. Per la nuova rideterminazione dell’imposta di soggiorno stiamo ancora facendo verifiche. Ma non è previsto nessun aumento di percentuale. Per noi saranno importanti i primi mesi per capire quale sarà il risultato e l’esito di questa manovra”.

Dai lidi di Forza Italia, Paolo Laurencet annuncia la sua contrarietà alla delibera: “la variazione viene assorbita di fatto dal rincaro dei prezzi – ha spiegato –. Non ci sono progetti nuovi e diversi, le maggiori entrate vengono purtroppo assorbite dall’inflazione e dal caro prezzi, con una conseguente ridistribuzione. È una questione di filosofia delle scelte. Noi ne avremmo fatte di diverse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte