Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 5 Maggio 2021 18:30

Assunzione di due medici, indagato il primario di Chirurgia generale

Aosta - A Paolo Millo, 53 anni, la Procura della Repubblica ha contestato, chiuse le indagini preliminari, di aver effettuato “pressioni” sui candidati classificatisi al vertice della graduatoria, affinché rinunciassero al posto. Il chirurgo respinge ogni addebito.

Intervento chirurgicoIntervento chirurgico - Foto Pixabay

Tentata concussione è l’accusa per cui è indagato Paolo Millo, 53 anni, primario della Struttura complessa di Chirurgia generale dell’ospedale “Parini” di Aosta. L’inchiesta, condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo, è relativa alle procedure di assunzione di due medici chirurghi da parte dell’Usl della Valle d’Aosta, a seguito dello svolgimento di un concorso.

Secondo gli inquirenti, sui candidati piazzati al vertice della graduatoria da cui attingere per le assunzioni sarebbero state effettuate delle “pressioni”, affinché rinunciassero al posto a favore di altri medici. Le indagini, durante le quali sono stati sentiti numerosi testimoni tra il personale sanitario, hanno avuto origine da un esposto.

Le investigazioni si sono chiuse circa tre mesi fa. Ricevuto l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, il primario ha chiesto di essere sentito dal pubblico ministero Luca Ceccanti, titolare del fascicolo. Nell’interrogatorio, tenutosi di recente, i fatti sono stati collocati in uno scenario legato, tra l’altro, al risalire della graduatoria ad alcuni anni prima, elemento che avrebbe visto l’interlocuzione con i candidati utile a capire se il loro interesse ad un posto nella struttura aostana fosse ancora attuale.

La Procura è ora impegnata nelle determinazioni sul futuro del fascicolo, nella decisione cioè tra chiedere il processo per il chirurgo, ritenendo integrato il reato investigato, o, qualora dagli approfondimenti compiuti successivamente alla chiusura delle indagini risultassero superati gli addebiti formulati in origine, optare per la richiesta di archiviazione.

Nell’attesa di tale passaggio procedurale, “con riferimento all’accusa di pressioni su candidati per favorirne altri – afferma il difensore del primario, l’avvocato Corrado Bellora – il dottor Millo respinge ogni addebito e ribadisce di aver agito nella piena correttezza del suo ruolo istituzionale e di aver fiducia nella magistratura, confidando che accerterà la correttezza del suo agire, tanto che si è già fatto sottoporre ad interrogatorio da parte del pm per fornire i chiarimenti necessari”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo