Atti sessuali sulla nipotina, condannato a 5 anni di carcere

Il processo si è svolto con rito abbreviato, dinanzi al Gup Paladino e si è concluso accogliendo la richiesta di pena del pm D'Ambrosi. Gli episodi di cui era imputato un 45enne risalgono a quando la bambina aveva 7 anni.
Aula tribunale, Tribunale, udienza, giudizio, processo
Cronaca

Accogliendo la richiesta del pm Manlio D’Ambrosi, il Gup Davide Paladino ha condannato un 45enne valdostano a 5 anni di reclusione, per violenza sessuale su minore. La sentenza, giunta al termine del processo con rito abbreviato, è stata pronunciata l’altro ieri, mercoledì 24 marzo. L’uomo era accusato di aver compiuto atti di natura sessuale, in due occasioni, ai danni della nipote, che al tempo aveva 7 anni e si trovava nella sua abitazione.

Gli episodi finiti al centro del procedimento risalgono all’inizio dell’anno scolastico 2018-9 e alla primavera del 2019. La bambina ha detto delle “attenzioni” dello zio ad una compagna di scuola, che si è poi confidata con la madre. Il dirigente scolastico è venuto quindi a conoscenza dei fatti, convocando i genitori della piccola. La testimonianza è stata raccolta durante l’inchiesta, disponendo un incidente probatorio.

Il racconto della bambina è stato ritenuto puntuale e preciso, scevro da contraddizioni, prima dagli investigatori, quindi dal giudice. Rappresentava l’unico elemento d’accusa nel fascicolo processuale (ed anche la sola prova dei fatti), sicché per parte sua l’imputato ha sempre e costantemente respinto le accuse mossegli dalla Procura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte