Colpisce un uomo con i pugni e un asse, arrestato 30enne

E’ successo ad Aosta nel pomeriggio di ieri, domenica 5 marzo. Le accuse per Demba Dabo, fermato dalle Volanti della Questura, sono lesioni aggravate e minacce. I fatti si sono verificati nella zona di Palazzo di giustizia.
Un'auto della Polizia
Cronaca

Lesioni aggravate (per l’uso di un’arma) e minacce sono le accuse per cui nella serata di ieri, domenica 5 marzo, un 30enne del Mali, Demba Dabo, è stato arrestato dagli agenti della Squadra Volante della Questura di Aosta. L’uomo è già noto alle forze dell’ordine per episodi pregressi.

Nella ricostruzione della Polizia, il 30enne nel pomeriggio si trovava ai giardini “Emilio Lussu”, dinanzi a Palazzo di giustizia, dove ha iniziato a colpire con dei pugni un italiano di sessant’anni. Alcuni amici di quest’ultimo, presenti, li hanno separati e dato l’allarme.

Il sessantenne, nel mentre, si è spostato nella zona della Tour du Pailleron, dove colui che lo aveva già percosso lo ha raggiunto, colpendolo al capo e alle braccia con un asse di legno. Gli agenti lo hanno fermato, mentre lui continuava a minacciare di morte l’aggredito.

Visitata in Pronto Soccorso al “Parini”, la vittima dell’aggressione ha riportato ferite giudicate guaribili in sette giorni. Da quanto è emerso, Dabo lo aveva già minacciato una quindicina di giorni fa. Domani, martedì 7 marzo, l’arrestato dovrà comparire in Tribunale per il rito direttissimo.

5 risposte

  1. È utile specificare la nazionalità per ricordare che di delinquenti ne abbiamo a sufficenza in Italia e quindi non abbiamo bisogno d i quelli he vengono da altri paesi.

  2. Demba sicuramente voleva convincere il 60enne italiano a lasciarsi pagare la pensione

  3. Un italiano. ..Un marocchino…Un francese ..Ma che bisogno c’è di specificare sempre la nazionalità degli aggressori e delle vittime? Non sono comunque tutte PERSONE???

  4. tanto lo condannano a 10 giorni con la condizionale e domani e gia di nuovo nei giardini a fare le stesse cose, sicuramente arrivato con un barcone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte