Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 5 Luglio 2019 9:13

Corruzione sotto il Cervino, la Procura chiede di processare 18 persone

Aosta - L’indagine “Do Ut Des”, durata un anno e mezzo, ha riempito il fascicolo inquirente di circa 12mila pagine di atti. Le accuse, mosse a vario titolo, sono corruzione, concussione, turbativa d’asta, abuso d’ufficio ed edilizio.

Fabio ChiavazzaFabio Chiavazza lascia il Tribunale.

In pochi, a seguito della chiusura delle indagini preliminari, hanno chiesto ulteriori atti d’indagine o di farsi sentire e, tirate le somme del fascicolo che raccoglie un anno e mezzo di attività inquirente, arrivato a circa 12mila pagine, il pm Luca Ceccanti ha chiesto al Gup del Tribunale il rinvio a giudizio dei diciotto coinvolti nell’inchiesta “Do Ut Des”, su una serie di episodi corruttivi aventi come “epicentro” la Valtournenche. Ad investigare sono stati i Carabinieri della Compagnia di Châtillon/Saint-Vincent, mettendo a fuoco vari “filoni” del “dare e avere” che, secondo loro e la Procura, ha sconvolto la vita amministrativa all’ombra del Cervino, per un totale di diciannove capi d’imputazione.

Il principale riguarda il presunto “addomesticamento” di gare e incarichi, da parte del capo ufficio tecnico del Comune di Valtournenche dal 2015, Fabio Chiavazza (49 anni, di Cuneo), che ha trascorso praticamente sei mesi in carcere, dallo scorso 23 gennaio, rispondendo “picche” ai due tentativi d’interrogatorio del pubblico ministero. Le accuse per lui sono di corruzione, concussione, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente ed abuso d’ufficio. In particolare, l’uomo si sarebbe “adoperato” a beneficio dei tre soci della “Edilvu”, impresa di Challand-Saint-Victor: Loreno Vuillermin (68), Ivan Vuillermin (44) e Renza Dondeynaz (64).

L’imputazione dei tre è di corruzione (avrebbero versato al “sodale” Chiavazza oltre 50mila euro) e turbativa d’asta. Da quanto appurato, l’alterazione del normale corso degli appalti sarebbe avvenuta anche attraverso “cartelli” tra partecipanti, anticipatamente consapevoli che sarebbero stati invitati ad effettuare offerte. Al riguardo, nel mirino degli inquirenti è finita la gara per i servizi tecnici della galleria di Etroubles, bandita dall’Anas, della cui alterazione sono accusati i liberi professionisti Corrado Trasino (54, Saint-Christophe), Stefano Rossi (54, Piacenza), Rosario Benincasa di Caravacio (51, Torino) e il funzionario dell’azienda stradale Adriano Rosario Passalenti (43, Saint-Nicolas).

La stessa imputazione è avanzata, per vari altri episodi esaminati durante l’inchiesta (che ha visto anche sequestri, perquisizioni e intercettazioni ambientali e telefoniche), all’architetto Ezio Alliod di Verrès, alla dipendente dell’ufficio tecnico dei lavori pubblici del comune sotto la “Gran Becca” Cristina Camaschella, al legale rappresentante della “Bertini Aosta srl” di Issogne Nicolò Bertini, all’ingegnere Giuseppe Zinghinì, nonché all’artigiano di Verrès Stefano Trussardi.

Chiude il quadro delle imputazioni la ristrutturazione del bar “Rocce Nere”, sulle piste di Cervinia, ritenuta dagli inquirenti anzitutto “figlia” di un patto indebito tra Chiavazza e il presidente della “Cervino Spa” (proprietaria dell’immobile) Federico Maquignaz, da cui la contestazione – per entrambi – di concorso in abuso d’ufficio. I due sono anche accusati, assieme a coloro che hanno preso parte al ciclo dell’opera – vale a dire il direttore dei lavori Marco Zavattaro (48, Quart), l’amministratore unico della “Ivies Spa” Enrico Giovanni Vigna (64, Quincinetto), nonché gli amministratori di due ditte subappaltatrici: Ivan Voyat della “Edilvi Costruzioni Srl” (52, Gressan) e Luca Frutaz della “Chenevier SpA” (44, Saint-Pierre) – della violazione del testo unico sull’edilizia.

Oltre a quella scattata nei confronti di Chiavazza, l’indagine aveva visto altre sette misure cautelari (gli arresti domiciliari per i soci “Edilvu” e misure meno afflittive per altri). Persone offese (che potranno quindi decidere di costituirsi parte civile nel procedimento) risultano l’Anas, il comune di Valtournenche e l’impresario Enrico Goglio, le cui rivelazioni agli inquirenti sul “taglieggiamento” da parte del funzionario comunale avevano fatto partire le indagini. Sta ora al Gup convocare, ricevuta la richiesta del pm, l’udienza preliminare, in cui gli imputati potranno richiedere riti alternativi, oppure la discussione delle loro posizioni, destinata a culminare nel rinvio a giudizio, o nell’archiviazione.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo