Green pass falsi su Telegram, perquisizioni in tutta Italia: anche in Valle

La Polizia ha eseguito all’alba di oggi, martedì 1° marzo, venti perquisizioni in quindici province italiane. Venticinque, al momento, gli indagati per l’uso delle certificazioni false, che venivano pubblicizzate su alcuni canali dell’applicazione.
Chat Telegram GP
Cronaca

C’è anche la Valle d’Aosta tra le regioni in cui all’alba di oggi, martedì 1° marzo, la Polizia ha eseguito perquisizioni, nell’ambito di una indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Termini Imerese (Palermo) contro il commercio su Internet di Green pass falsi, da parte di un’organizzazione criminale specializzata.

Al termine di accertamenti informatici, gli investigatori hanno messo a fuoco una struttura che pubblicizzava, attraverso alcuni canali dell’applicazione “Telegram”, la vendita di certificazioni verdi Covid-19 a persone che non si erano sottoposte a vaccinazione. Aosta è una delle quindici province italiane ove gli inquirenti hanno individuato utilizzatori dei certificati falsi, che sono stati denunciati all’autorità giudiziaria. Le altre sono: Roma, Cremona, Cosenza, Luca, Caltanissetta, Agrigento, Palermo, Bologna, Olbia, Bari, Venezia, Treviso, Mantova e Salerno.

Sono 20, in tutto, le perquisizioni scattate in varie parti d’Italia, che hanno visto il sequestro di Green pass cartacei, ma anche dei trenta dispositivi informatici sui quali erano memorizzate le certificazioni in formato digitale. Venticinque, al momento, gli indagati per il possesso della falsa certificazione. Tra di loro, anche un dipendente pubblico e un appartenente alle forze dell’ordine, nonché dei minori: i genitori risultavano aver acquistato il falso green pass per non sottoporli al vaccino.

A quanto emerso dalle indagini, per comprare uno dei certificati in vendita occorrevano circa 300 euro e, come nelle più moderne tecniche di marketing per prodotti legittimi, erano previsti degli “sconti famiglia” per chi comprava più certificati. I falsi Green Pass venivano “consegnati” direttamente via messaggistica agli acquirenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Sanità
Cronaca
Cronaca