Cronaca di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 11 Settembre 2020 17:06

Operazione “Drug delivery”, quando la droga viene consegnata a casa. 6 indagati, 2 arrestati

Aosta - Ai domiciliari è finito Omar Atioui, valdostano classe '98 e Simone Nerucci di Grosseto. La droga viaggiava attraverso servizi di corriere ignari del contenuto dei pacchi. Il percorso, tra Spagna Valle d'Aosta e Toscana, ricostruito dalla Polizia attraverso le chat su Facebook, Instagram, WhatsApp, Telegram e Wickr

I due ai domiciliari dopo l'operazione Drug Delivery

Un vero e proprio “triangolo dello spaccio” che aveva come vertici Barcellona, Aosta e Grosseto, fatto di consegne a domicilio e una fitta rete – tutti giovanissimi – di conversazioni spezzettate tra chat di Facebook, Instagram, WhatsApp, Telegram e Wickr, app che fa della sicurezza dei suoi messaggi la sua caratteristica principale.

A fare luce sulla “Drug Delivery” – questo il nome dell’operazione – la Squadra mobile della Questura di Aosta. Sei gli indagati – tra i quali un minore, un diciassettenne deferito alla Procura dei minorenni di Torino – e due le persone agli arresti domiciliari con l’accusa di detenzione e spaccio di droga: Simone Nerucci, classe ’99, di Grosseto e Omar Atioui, nato nel 1998 e residente a Morgex, già noto alle forze dell’ordine per la rapina ad una ragazza nel Centro di Aosta due anni fa.

Lo scorso 28 maggio Atioui fu “pizzicato” in flagranza di reato dalla Polizia al momento della consegna di due pacchi – a casa della fidanzata a Plan Félinaz, frazione di Charvensod – contenenti sostanze stupefacenti. La perquisizione nell’abitazione fece saltar fuori 833 grammi lordi di marijuana, 1900 euro in contanti ed il materiale per il confezionamento.

Tra gli oggetti sequestrati – la base dell’operazione “Drug Delivery” – lo smartphone di Atioui: “È stata un’indagine vecchio stampo – spiega il commissario capo della Questura Francesco Filograno -, senza intercettazioni. Assieme al sostituto procuratore, il dottor Introvigne, abbiamo deciso di fare una copia forense del telefono, trovando all’interno una mole considerevole di dati tra sistemi di messaggistica, Facebook, Instagram e applicazioni che neanche conoscevamo”.

Centinaia di conversazioni analizzate dagli agenti, di difficile individuazione: “C’era uno ‘slang’ nella messaggistica non facile da capire – prosegue Filograno -, frasi spezzettate, soprannomi”.

I pacchi – consegnati tramite corriere – partivano da Barcellona da un mittente fittizio ed arrivavano a Plan Félinaz, a casa della compagna di Atioui.

Qui si inserisce il filone toscano dell’indagine, complicato dal fatto che – spiega ancora il comandante della Polizia – “tra i due arrestati, Atioui e Nerucci, non c’è mai stato collegamento o una chat. Nessuna relazione tra loro. Nelle chat di Instagram Atioui parlava conPunch710’, un utente da identificare, per gestire la trattativa per l’acquisto dello stupefacente. Atioui decideva il tipo e la quantità della sostanza, attraverso un’ampia scelta, che poteva poi facilmente vendere assieme agli altri quattro suoi ‘cavallini’ sulla piazza valdostana”.

La serra di Grosseto

OPERAZIONE “DRUG DELIVERY”

OPERAZIONE “DRUG DELIVERY”Si è conclusa l’operazione “Drug Delivery” della Squadra Mobile di Aosta nell’ambito di un’attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Aosta, relativa al giro di sostanze stupefacenti di tipo marijuana e hashish, provenienti dalla Spagna. L'attività era gestita ed organizzata sul territorio valdostano da un gruppo di adolescenti: sei i soggetti indagati, a vario titolo, per concorso in attività di spaccio, due dei quali tratti in arresto il 24 luglio 2020, un ragazzo valdostano, classe 1998, ed un ragazzo toscano (classe 1999), residente nella provincia di Grosseto, arrestati dalle Squadre Mobile di Aosta e Grosseto.L’operazione ha avuto origine il 28.05.2020 con il sequestro di due pacchi provenienti dalla Spagna contenenti c.a 830 g di marijuana che erano stati consegnati mediante corriere al ragazzo valdostano, successivamente arrestato: all’interno della sua abitazione era stato rinvenuto il materiale per il confezionamento in dosi della sostanza stupefacente, un carnet con i nomi degli acquirenti e 2000 euro in contanti.La successiva analisi forense del cellulare del ragazzo ed in particolare l’esame delle innumerevoli conversazioni Whatsapp, Instagram e Facebook, ha permesso di verificare i dettagli dell’attività di spaccio ricostruendo l’episodio della consegna dei pacchi di droga non come un singolo caso ma come modus operandi prestabilito dall’arrestato per approvvigionarsi di sostanza stupefacente direttamente dalla Spagna, rimanendo comodamente seduto in casa in attesa della consegna a domicilio dello stupefacente. Da qui il successivo smercio della sostanza nel capoluogo valdostano, avvalendosi dell’ausilio di altri adolescenti, tra cui un minore, tutti deferiti all’Autorità Giudiziaria.Proprio attraverso i social media, il valdostano concordava con un utente l’acquisto della sostanza, potendone scegliere quantità e tipologia, versando il quantum dovuto mediante bonifico bancario: ad incastrare l’altro soggetto arrestato, un ragazzo italiano residente nella provincia di Grosseto (classe 1999), sono state le foto dei bonifici effettuati in suo favore, rinvenute all’interno del cellulare del valdostano: all’esito della perquisizione domiciliare eseguita in provincia di Grosseto dalla Squadra Mobile di Aosta, con la preziosa collaborazione della Squadra Mobile di Grosseto, è stata rinvenuta una vera e propria “serra”, allestita in maniera professionale con lampade agli ioduri, filtri, ventilatori, termometri digitali, lavatrice per estrazione della resina, per la coltivazione di numerose piante di marijuana (circa 80), nonché numerosi panetti di hashish, sacchi di foglie di marijuana essiccata ed ovuli di hashish per un totale di almeno 1 Kg di sostanza stupefacente, nonché 10.000 euro in contanti: ritrovamento che ha fatto scattare la misura custodiale anche nei confronti del ragazzo toscano per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.#essercisempre #poliziadistato #questuradellavalledaosta

Pubblicato da Questura della Valle d'Aosta su Venerdì 11 settembre 2020


L’utente “Punch710” chiede – sempre in chat – di fare un bonifico intestato a due residenti nel grossetano: Nerucci, arrestato e messo ai domiciliari, e un altro indagato che però non era in casa all’arrivo degli agenti perché in Spagna.

Nei pressi dell’abitazione di Nerucci “Abbiamo trovato un ‘arsenale’ – spiega Filograno – una dépendance allestita come una serra professionale con vari macchinari, ventilatori, lampade al neon e 80 piante di marijuana di qualità. Nella sua stanza invece c’erano un chilo di hashish e marijuana, con alcune sostanze già in ovuli, diecimila euro in contanti, bilancini di precisione e grinder. In più sono state sequestrate delle piccole scatoline dette ‘Live budder’”, una sorta di “ceraconcentrata derivata dalla cannabis capace di potenziarne esponenzialmente gli effetti e che anche Ateoui stesso reperiva tramite il minore coinvolto.

“Un fenomeno sempre più allarmante”

La preoccupazione della Polizia è chiara: “La digitalizzazione dei servizi è stata capita anche dagli spacciatori – spiega ancora Filograno -, è una nuova frontiera. Come per tutti altri gli prodotti si è capito che conviene farsi spedire gli stupefacenti che non comprarli in strada, evitando così ai pusher di essere intercettati. In questo caso si veicolavano informazioni anche attraverso le storie di Instagram, e, per quanto i soggetti erano piuttosto raffinati sono anche degli adolescenti ed è stato facile da queste ‘storie’ trovare degli errori, come quando mostravano il modo di sbriciolare il ‘Live budder’”.

“Tracciare i bonifici in contanti, attraverso le foto sui cellulari del pagamento, è stato facile – chiude il comandante -. Altri pagamenti invece sono stati fatti in bitcoin, e sono fenomeni ancora parzialmente da scoprire. Ad esempio Telegram è molto più riservato di WhatsApp, e c’erano chat con migliaia di persone in cui ci si scambiava contatti per comprare droga. Un fenomeno che diventa sempre più allarmante”.

 

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

2 commenti su “Operazione “Drug delivery”, quando la droga viene consegnata a casa. 6 indagati, 2 arrestati”

Commenta questo articolo