Inchiesta bestiame: Duclos e Cabraz restano in carcere

Il tribunale del Riesame di Torino ha sciolto la riserva sul ricorso presentato dai difensori dei due arrestati, e lo ha respinto. Le difese stanno valutando la possibilità di presentare un'istanza al gip di Aosta o in Cassazione.
Mucche al pascolo nella Valle di Rhemes
Cronaca
Restano in carcere Eliseo Duclos, di 53 anni, titolare di un caseificio di Gignod e l'allevatore Angelo Cabraz, di 37 anni, di Jovençan, arrestati nell'ambito dell'inchiesta sul bestiame contaminato e Fontine adulterate.
Questa mattina, giovedì 26 novembre, il tribunale del Riesame di Torino ha sciolto la riserva sul ricorso presentato dai difensori dei due arrestati, e lo ha respinto.
Le difese stanno valutando la possibilità di presentare un'istanza al gip di Aosta o in Cassazione. Degli altri 11 indagati, tutti ai domiciliari, dieci hanno già ottenuto la remissione in libertà. Resta ai domiciliari sono Emilio Cabraz, per il quale i difensori hanno fatto istanza al Riesame. L'udienza si è tenuta ieri, e i togati si sono riservati la decisione.

Per tutti le accuse vanno dall'associazione per delinquere finalizzata alla truffa alla Regione alla frode in commercio, dal maltrattamento e uccisione di animali all'abusivo esercizio di professione medica. La prima ripercussione dell'inchiesta, è stata la chiusura del caseificio di Eliseo Duclos, infatti, mancando il titolare, l'attività è stata sospesa dall'Usl, come prevede la normativa.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte