‘Ndrangheta, iniziato ad Aosta il processo Geenna

Il consigliere sospeso Marco Sorbara e l’ex assessore di Saint-Pierre Monica Carcea sono arrivati a piedi. Un cenno di saluto dal primo. Passata quasi inosservata la seconda, con i capelli tinti e raccolti. Tradotti dalla penitenziaria gli altri tre imputati.
Processo Geenna - l'arrivo di Sorbara
Cronaca

Dopo l’arrivo degli imputati e degli avvocati, è iniziato puntuale attorno alle 9.30 di oggi, al Tribunale di Aosta il processo Geenna, su infiltrazioni di ‘ndrangheta in Valle d’Aosta. Il dibattimento si svolge a porte chiuse, nell’aula al terzo piano “trasformata” per renderla compatibile con le prescrizioni anti Covid-19, con i giornalisti a seguirlo in una saletta del Palazzo di giustizia in videoconferenza.

Il ristoratore Antonio Raso, il dipendente del Casinò Alessandro Giachino e il consigliere comunale di Aosta Nicola Prettico, in carcere dal “blitz” del 23 gennaio 2019 ed accusati di aver partecipato alla “locale” di ‘ndrangheta messa a fuoco dalle indagini, sono stati tradotti dalla Polizia penitenziaria dalle rispettive case circondariali e fatti entrare da un ingresso secondario.

Il consigliere regionale sospeso Marco Sorbara, ai domiciliari dalla scorsa estate, è arrivato a piedi, accompagnato dal fratello Cosimo. Nell’entrare a palazzo, giusto un cenno di saluto ai cronisti. Irriconoscibile, e passata quasi inosservata Monica Carcea, ex assessore al comune di Saint-Pierre, anche lei scarcerata l’anno scorso e posta in detenzione domiciliare, con i capelli tinti e raccolti in una coda. Entrambi debbono rispondere di concorso esterno nell’associazione criminale.

Dopo l’appello da parte del presidente del collegio Eugenio Gramola, il processo è partito con le questioni procedurali. Solo Raso ha acconsentito ad essere ripreso durante il dibattimento. Dagli altri imputati è giunto un “no”. Il pm Stefano Castellani ha depositato una serie di documenti, tra i quali numerose sentenze ed atti di procedimenti per mafia, e chiesto inoltre l’acquisizione delle relazioni delle Commissioni di accesso antimafia che hanno lavorato nei comuni di Aosta e Saint-Pierre (quest’ultimo, poi sciolto). Ora, i difensori stanno procedendo alle loro eccezioni procedurali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Cronaca