Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 12 Maggio 2021 19:30

Resta in carcere il 48enne arrestato in possesso di 50 grammi di cocaina

Aosta - Raffaele Salvemini, accusato di detenzione di stupefacente ai fini di spaccio, è comparso ieri dinanzi al Gip del Tribunale, che ne ha convalidato il fermo. L’uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere alle domande del giudice.

Resta in carcere il 48enne residente in Valle arrestato nella serata di sabato scorso, 8 maggio, dalla Guardia di finanza, perché trovato in possesso di circa 50 grammi di cocaina. Raffaele Salvemini, accusato di detenzione di stupefacente ai fini di spaccio, è comparso ieri, martedì 11 maggio, dinanzi al Gip del Tribunale di Aosta, che ne ha convalidato il fermo. Difeso dagli avvocati Jacques Fosson e Davide Sciulli, si è avvalso della facoltà di non rispondere alle domande del giudice.

I legali stanno valutando gli atti del procedimento, per decidere il deposito di istanze difensive. Salvemini è stato fermato in auto, in un controllo del territorio del Nucleo di Polizia economico-finanziaria. Un quantitativo di cocaina era a bordo, altra è stata rinvenuta a casa dell’arrestato (in parte già confezionata in ovuli pronti per lo smercio). I finanzieri, che stanno indagando su provenienza e destinatari della droga, hanno rinvenuto anche sostanza per il taglio e un bilancino di precisione.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo