Scontro tra auto e moto, grave centauro 58enne

Il motociclista, un francese di 58 anni, è ricoverato in rianimazione per i traumi riportati nell’incidente. Il sinistro si è verificato attorno alle 16.20 di ieri, domenica 13 agosto, sulla strada per il colle del Gran San Bernardo.
Strada GSB
Cronaca

E’ ricoverato in rianimazione al “Parini” un motociclista francese di 58 anni che, nel pomeriggio di ieri, domenica 13 agosto, si è scontrato con un’auto sulla strada per il colle del Gran San Bernardo. L’uomo è stato soccorso dall’elicottero con medico del 118 e tecnici a bordo: ha riportato traumi in particolare ad una gamba.

Anche la conducente della vettura, una 30enne svizzera, è stata trasportata in ospedale, in preda allo choc per l’accaduto. Il sinistro, avvenuto attorno alle 16.20, ha richiesto la chiusura temporanea della strada. I rilievi sono stati effettuati dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Aosta. Sul posto anche i Vigili del fuoco.

6 risposte

  1. Molti, non tutti, motociclisti mettono in pericolo la loro vita e quella degli altri superando con la striscia continua, invadendo l’altra corsia andando a velocità folli, prendendo le strade come circuiti. Sarebbe l’ora di piantarla li anche per l’inquinamento acustico che provocano e gli spaventi che fanno prendere.

    1. Sempre la Solita storia…”È Colpa del Centauro… perché…” Ma vogliamo parlare degli Automobilisti che non sono capaci a guidare in montagna,ed ignorare la propria destra per prendere possesso della carreggiata e non della propria corsia.Invece di polemizzare che saranno i rilievi a stabilire tutto… Preoccupiamoci della vita del Centauro e speriamo che possa ritornare dalla sua famiglia,che lo ha visto uscire la mattina…
      Auguri di un’Ottima Ripresa.
      Parlo da Motociclista e Automobilista che non potrà più veder tornare a casa una parte di Sé…

      1. Caro Big Navigator che non ti firmi nemmeno con il nome e cognome. Naturalmente c’è sempre qualcun altro sul quale puntare il dito. Visto che difendi i centauri maleducati e rumorosi che causano una concreta paura ad andare per strada d’estate cerca di diffondere in qualche modo utile la cultura della sicurezza sulla strada. Personalmente ci dedico la mia vita professionale

  2. su quella strada si piantano in tanti, devono essere i lunghi rettilinei dove uno si fa prendere dall’ebbrezza del vento nei capelli e poi seguiti da curve severe in cui se sei ebbro ti pianti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte