Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 10 Giugno 2021 10:07

Stalking ai vicini, 56enne condannato a tre anni di carcere

Aosta - Elio Bertone, residente in Valle, doveva rispondere di atti persecutori. Gli venivano contestati, tra l’altro, auto rigate, danneggiamenti di reti, attrezzi ed ornamenti. Mantenuto, a suo carico, il divieto di dimora nel comune di residenza.

Tre anni di reclusione. Tanti ne ha inflitti, al termine dell’udienza tenutasi negli scorsi giorni, il giudice monocratico Maurizio D’Abrusco al 56enne Elio Bertone, nato in provincia di Reggio Calabria, ma residente in un comune della Valle. L’uomo era chiamato a rispondere di atti persecutori ai danni di due vicini di casa, che vivono in una villetta accanto alla sua. Insomma, un caso di “stalking condominiale” e non nell’ambito (com’era classico per questa fattispecie di reato) di una relazione sentimentale complicatasi.

Il fascicolo d’indagine raccoglieva episodi dal 2017 ad oggi. A carico dell’imputato, erano stati denunciati auto rigate continuativamente e ripetutamente (tanto da dover consigliare ad amici e parenti in visita di parcheggiare distante), posti auto dei vicini occupati arbitrariamente, cani lasciati a defecare nelle proprietà altrui e danni a reti, attrezzi od ornamenti. L’accusa, in aula, era rappresentata dal pm Manlio D’Ambrosi.

Durante l’udienza sono stati sentiti cinque testimoni citati dalla Procura, altrettanti dalla difesa, ed anche l’imputato, che ha smentito le accuse mossegli. Dopo la discussione tra le parti (Bertone era difeso dall’avvocato Simona Lonterni del foro di Torino), il giudice si è ritirato in camera di consiglio, quindi ha sentenziato. A carico del condannato è stata mantenuta la misura cautelare emanata nel corso delle indagini, vale a dire il divieto di permanere nel comune valdostano in cui è residente.

Inizialmente, il Gip del Tribunale aveva stabilito che Bertone non potesse dimorare nell’intera regione, poi la misura cautelare era stata affievolita a seguito dell’accoglimento dell’istanza di riesame presentata dall’interessato. Per le “turbolenze” con i vicini, il 56enne ha già subito tre procedimenti penali, in cui l’accusa era però sempre di danneggiamenti. Durante un’udienza in Corte d’Appello, dalla deposizione delle parti offese era emerso il loro stato di prostrazione, legato alla continuità delle condotte vessatorie.

Costituendo il turbamento delle vittime la base giuridica dello stalking, i giudici torinesi avevano inviato quelle testimonianze alla Procura di Aosta, per valutare l’apertura di un nuovo e ulteriore procedimento. Dopo alcuni accertamenti e acquisizioni testimoniali, l’ipotesi è stata ritenuta sussistente dagli inquirenti. E’ così scattata la richiesta di misura cautelare, accompagnata da quella, alla conclusione delle indagini, di giudizio immediato, che ha condotto alla recente udienza.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo