Una valanga e quattro soccorsi nel 1° maggio del SAV

Il distacco, di dimensioni importanti, è avvenuto attorno alle 16.30 sotto lo Stolemberg, nella valle del Lys: fortunatamente, nessun coinvolto. L’equipaggio ha prestato aiuto a una ciaspolatrice e tre scialpinisti. Nessuno grave.
La valanga caduta sotto lo Stolemberg.
Cronaca

Allarme, nel pomeriggio di ieri, mercoledì 1° maggio, per il distacco di una valanga sotto lo Stolemberg, spartiacque tra la Valle d’Aosta e il Piemonte nella valle del Lys. Il distacco, avvenuto attorno alle 16.30, era di dimensioni importanti e sul luogo sono state scattate le ricerche di eventuali travolti sia a terra, da parte di guide, sia dal cielo, con sorvoli dell’elicottero del Soccorso Alpino Valdostano.

Le operazioni si sono concluse con esito negativo (la zona risulta poco frequentata, specie a questo punto della stagione), ma è raccomandata prudenza in questi giorni. Per oggi, giovedì 2, il rischio di valanghe è classificato 3-marcato nei settori nord ed ovest della Regione (dal Monte Bianco alla Valpelline) ed in quello sud (dalla valle di Champorcher alla Valgrisenche). Sul resto del territorio è 2-moderato.

Quella allo Stolemberg non è stata l’unica missione di ieri per l’elicottero “Sierra Alfa 1”, alzatosi in volo altre quattro volte. Medico e guide sono intervenuti, nell’ultima festività del periodo, per soccorrere una 39enne che è caduta ciaspolando sotto il rifugio Mantova, sul ghiacciaio del Monte Rosa (ha riportato alcuni traumi facciali), due scialpinisti in difficoltà, uno sopra Cervinia ed uno alla Punta del Drinc (sopra Pila) ed uno snowboarder, sempre ai piedi della “Gran Becca”. Le loro condizioni non sono gravi.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

   Eventi
Precedente
Successivo
   Foto
Precedente
Successivo
   Video
Precedente
Successivo