Cronaca di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 11 Aprile 2021 9:20

Vaccino anti-Covid, il Codacons presenta un esposto in Procura contro i “furbetti”

Aosta - Il Codacons chiede alla Procura di Aosta di accertare "responsabilità e fattispecie penalmente rilevanti quali il reato di abuso in atti di ufficio, omissione in atti di ufficio ma anche la possibile responsabilità per i reati di concorso in omicidio colposo e in epidemia colposa".

vaccino covid

Un esposto per chiedere di aprire una approfondita indagine volta a verificare l’operato della Regione Valle d’Aosta e delle ASL territorialmente competenti in ordine al mancato rispetto del piano vaccinale. A presentarlo alla Procura di Aosta è stato il Codacons che ricorda come l’ordinanza del 15 marzo 2021 firmata dal Commissario Figliuolo stabilisce che: “le dosi residue a fine giornata, qualora non conservabili, siano eccezionalmente somministrate, evitando sprechi, in favore di soggetti comunque disponibili al momento, secondo l’ordine di priorità del Piano nazionale”.

E l’ordine di priorità prevede in primo luogo “la vaccinazione degli ultraottantenni prima che vengano contattati altri cittadini. Nella realtà dei fatti, tuttavia, si sta assistendo in Valle d’Aosta ad una illegittima corsia privilegiata nella somministrazione vaccinale, con i cosiddetti “Furbetti del vaccino” che hanno saltato la fila facendosi vaccinare senza averne titolo, stravolgendo l’ordine di priorità del piano nazionale che prevede in primo luogo la vaccinazione degli ultra80enni, soggetti a rischio che subiscono ritardi pesantissimi e ad oggi ancora non sanno quando saranno vaccinati, con serio rischio per la loro incolumità”.

L’Associazione ricorda anche l’azione della Commissione parlamentare Antimafia che ha chiesto gli elenchi dei vaccini somministrati in Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta.

“La questione che si riporta all’attenzione della Procura – spiega il Codacons – è che se il vaccino somministrato ai soggetti non aventi diritto fosse stato destinato, come dovuto ed in rispetto al piano vaccinale, agli ultraottantenni poi contagiati dal Covid, probabilmente gli stessi non si sarebbero ammalati e, nei casi più gravi, deceduti”.

Il Codacons chiede, quindi, alla Procura di Aosta di accertare “responsabilità e fattispecie penalmente rilevanti quali il reato di abuso in atti di ufficio, omissione in atti di ufficio ma anche la possibile responsabilità per i reati di concorso in omicidio colposo e in epidemia colposa”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo