Economia e lavoro di Viola Feder |

Ultima modifica: 24 Luglio 2021 11:43

Green pass, il disagio di ristoranti e bar: “Ora facciamo anche i carabinieri”

Aosta - A metà luglio la stagione estiva stava cominciando a ritornare quasi alla normalità, ma con il nuovo Decreto le cose si complicano. Oltre ad aggiornare i criteri per “colorare” le regioni, il dpcm annuncia che sarà necessario il Green pass per accedere a qualsiasi tipo di evento al chiuso, ma anche alle palestre e alle piscine e in molte altre attività.

Locale bar bere

Con la pubblicazione del nuovo Dpcm, nel bel mezzo della stagione estiva, che entrerà in vigore a partire dal 6 agosto, molti titolari di bar e ristoranti si ritrovano a doversi nuovamente aggiornare e riorganizzare per tenere aperta la loro attività. Come sottolinea Anaïs Melotto, del bar Quot café di Piazza Chanoux , “siamo state le categorie più penalizzate abbiamo chiuso, riaperto ci siamo dovuti adeguare, e adesso anche questa cosa… è anche un costo in più e un grosso problema a livello di organizzazione”.

Per rispettare le nuove norme, i singoli esercenti dovranno farsi carico di controllare che i clienti siano provvisti di Green pass (di un tampone negativo nelle 48 ore precedenti, di una dose di vaccino o dopo esser guariti dal Covid nei sei mesi precedenti) per poter accedere al locale. Sarà invece possibile usufruire dei servizi di bar e ristoranti nei dehors anche senza il certificato vaccinale.

Per molti ristoranti e bar questo decreto ha generato paura e confusione, come afferma Alessandro De Antoni, uno dei titolari de l’Osteria nel centro di Aosta: “Il primo impatto è spavento, anche perché abbiamo già perso la stagione invernale e abbiamo iniziato a lavorare un po’ di più da due settimane, ma io mi aspetto meno gente a partire dal 6 agosto”.

È anche la poca chiarezza del decreto a preoccupare gli esercenti, come racconta Alberto Ammendolia, proprietario del bar Verger, “Ormai aspettiamo sempre l’ultimo giorno per capire cosa dobbiamo fare, io non investo più tempo e energie nell’aggiornarmi in continuazione. Noi rispettiamo tutte le regole che vanno rispettate (distanziamento, igiene, pulizia, mascherine) e poi se ci sarà il green pass, faremo anche quello.”

Un altro elemento di grande confusione e rabbia è proprio l’aggiunta di un ulteriore obbligo di controllo del cliente per i locali: “Io spero che cerchino di capire che è un peso per noi, come non è stato semplice far mantenere le distanze, far mettere le mascherine… Comunque è più di un anno e mezzo che noi, oltre a fare i camerieri e i baristi, facciamo anche i carabinieri. Avevamo un sacco di regole da far rispettare e il nostro lavoro non è questo”, afferma ancora Melotto.

Infine l’ultimo dubbio che attanaglia la categoria è quello dell’obbligo di vaccinazione per i dipendenti. Mario Fioriti, titolare della pizzeria Il Moderno, esprime la sua difficoltà nel gestire la situazione per i dipendenti che “sono quasi tutti vaccinati tranne qualcuno, ma aspettiamo nuove disposizioni per capire se c’è l’obbligo di vaccino per i dipendenti che non sanno a cosa vanno incontro. Potrebbe esserci il licenziamento o l’allontanamento dal posto di lavoro. Mettono le regole, ma non si sa come applicarle”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo