Economia e lavoro di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 11 Gennaio 2021 17:25

Impianti a fune, i sindacati: “Immediate misure di sostegno al reddito per lavoratori”

Aosta - Per salvaguardare i 330 dipendenti a tempo indeterminato e per i 670 a tempo determinato. Secondo Filt Cgil Valle d'Aosta, Fit Cisl e Savt "in questa situazione di incertezza sulla riapertura degli impianti, è urgente e doveroso che il Governo si esprima mantenendo la previsione del riavvio al 18 gennaio".

scisci

“Immediate misure di sostegno al reddito” da parte del Governo nazionale e regionale per salvaguardare i 330 dipendenti a tempo indeterminato e per i 670 a tempo determinato degli impianti a fune. A chiederle sono in una nota Filt Cgil Valle d’Aosta, Fit Cisl e Savt.

“Gli impianti a fune sono senza dubbio, per la Valle d’Aosta, uno dei settori più importanti e colpiti dalla crisi dovuta alla pandemia. I lavoratori fissi sono stati messi in cassa integrazione, gli stagionali non sono ancora stati assunti” ricordano i sindacati sottolineando come “Il Covid ha accentuato gravemente una situazione di precarietà, che già esisteva: lavoratori che da anni chiedono di essere assunti a tempo indeterminato e che si ritrovano abbandonati da una politica sorda e incapace di risolvere vuoti normativi creati da leggi a dir poco assurde, come la legge Madia sulle società partecipate”.

Secondo Filt Cgil Valle d’Aosta, Fit Cisl e Savt “in questa situazione di incertezza sulla riapertura degli impianti, è urgente e doveroso che il Governo si esprima mantenendo la previsione del riavvio al 18 gennaio per salvare, anche solo parzialmente, una stagione invernale già compromessa”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>