Con il Pnrr la Giunta punta sull’idrogeno. Approvato un avviso da 14 milioni

L'Esecutivo regionale ha approvato lo schema di avviso pubblico per il finanziamento della realizzazione di impianti di produzione di idrogeno rinnovabile in aree industriali dismesse presenti sul territorio valdostano. Le domande potranno essere presentate a partire da prossimo gennaio.
Palazzo Regionale
Economia

La Giunta regionale ha approvato lo schema di avviso pubblico per il finanziamento della realizzazione di impianti di produzione di idrogeno rinnovabile in aree industriali dismesse presenti sul territorio valdostano.

A comunicarlo l’Assessorato dello Sviluppo economico, formazione e lavoro. La misura – si legge – è finanziata per 14 milioni di euro attraverso il programma Next Generation EU, lo strumento finanziario creato nell’ambito della nuova politica di coesione per stimolare l’economia degli Stati membri, all’interno del Pnrr, Missione 2, Componente 2, Investimento 3.1.

L’avviso e tutta la documentazione sulla procedura saranno consultabili sul sito istituzionale della Regione, nella sezione Energia. Le domande potranno essere presentate a partire da prossimo gennaio. I termini di inizio e di chiusura del bando saranno resi noti attraverso una comunicazione sempre sul sito web della Regione.

“Nonostante le complessità applicative connesse ai progetti Pnrr e le tempistiche che hanno visto l’approvazione del decreto nazionale solo all’antivigilia di Natale, stiamo lavorando con determinazione per mettere le imprese del territorio nelle condizioni di aderire alle azioni di sviluppo dell’idrogeno – spiega l’assessore Luigi Bertschy –. Si tratta di una importantissima iniziativa che si inserisce in una visione strategica più ampia di transizione energetica e sviluppo sostenibile per il nostro territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte