Continua il braccio di ferro tra Uil e Vedetta 2, i trasferimenti sono rinviati al 2 agosto

Il trasferimento dei lavoratori a Torino, dopo la decisione dell'azienda di chiudere la sede di Aosta è "congelata". La Uil batte su due tasti: la non penalizzazione economica dei lavoratori ed il loro utilizzo in servizi che non prevedano lunghi percorsi stradali.
Vedetta 2 Mondialpol
Economia

Una “ferma e determinata posizione sindacale” che, per ora, “ha ottenuto come primo effetto il rinvio dei trasferimenti al 2 Agosto 2020”.

Continua la battaglia “di posizione” tra la UilTucs e l’Istituto di Vigilanza Vedetta 2, dopo lo scontro di qualche settimana fa che ha visto il sindacato all’attacco, parlando di “licenziamenti cammuffati”.

Lo scorso 9 Luglio, giovedì, si è infatti riunito a Torino il Coordinamento dei Rappresentanti Sindacali del Piemonte e Valle d’Aosta di Vedetta 2 per – si legge in una nota della Uil – “discutere sulle iniziative da intraprendere a seguito della decisione aziendale di chiudere alcune sedi, tra le quali Aosta e trasferire i lavoratori nella sede di Torino”.

Trasferimento che, si diceva, è per il momento posticipato al 2 agosto, il tempo per trattare – scrive ancora la UilTucs – su due punti: la non penalizzazione economica dei lavoratori ed il loro utilizzo in servizi che non prevedano lunghi percorsi stradali che si aggiungerebbero a quelli tra Aosta e Torino, mettendo così a rischio la loro salute e sicurezza.

Accordo che, dovesse venir meno, porterà a – ribadisce il sindacato – “azioni conflittuali rituali come lo sciopero”, cui si aggiungeranno però “azioni legali per scongiurare ciò che è apparso evidente, e cioè che il disagio del trasferimento collegato alla penalizzazione economica siano di fatto licenziamenti per giustificato motivo oggettivo allo stato bloccati dalla legislazione anti Covid”.

“Tali licenziamenti – aggiunge UilTucs – trovano sempre giustificazioni in quanto conseguenti a riorganizzazioni aziendali. Pertanto, essendoci il blocco dei licenziamenti ne consegue il blocco della riorganizzazione.  Sono in corso le trattative nelle province toccate dalla riorganizzazione e dai trasferimenti, l’esito delle quali saranno messe subito a conoscenza dei lavoratori interessati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati