Presentata la nuova programmazione 2021/27 dei Fondi europei e del PNRR

È stata presentata nella mattinata di venerdì 24 novembre, al Convitto regionale “Federico Chabod” di Aosta, la nuova programmazione dei Fondi europei 2021/27 e del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Pnrr che, in Valle vede l’87 per cento delle iniziative già avviate.
La presentazione della programmazione 2021/27 dei Fondi europei e del Pnrr
Economia

È stata presentata nella mattinata di venerdì 24 novembre, al Convitto regionale “Federico Chabod” di Aosta, la nuova programmazione dei Fondi europei 2021/27 e del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

In apertura di lavori, l’assessore agli Affari europei, Innovazione, Pnrr e Politiche nazionali per la montagna Luciano Caveri ha evidenziato come “l’evento di oggi, peraltro previsto dai Regolamenti europei, è un momento di restituzione importante, che ci consente di fare il punto della situazione sul nuovo periodo di programmazione. Un nuovo periodo di programmazione che è ricco di idee e di progetti e che può contare su una copertura finanziaria molto significativa. Ora è necessario che tutti si muovano su questo terreno, per riuscire a utilizzare efficacemente la totalità risorse a nostra disposizione e per trovare degli spunti che siano originali rispetto al passato”.

Benché, in questa programmazione, la Politica Agricola Comune non rientri nella Politica di coesione dell’Unione Europea, l’assessore all’Agricoltura e Risorse naturali Marco Carrel ha invece sottolineato che “soprattutto in una piccola regione come la nostra, è fondamentale rimanere uniti e fare gioco di squadra, valorizzando la nostra complementarietà e l’interazione tra i diversi settori” e ha aggiunto che “ammontano a 91 milioni 845mila euro le risorse destinate allo sviluppo rurale in Valle d’Aosta, che non riguarda solo il settore agricolo e forestale, ma abbraccia temi di crescita molto più ampi. Contribuisce alla tutela dell’ambiente naturale e alla stabilità del nostro territorio alpino, permette di diversificare e dare autenticità all’attività turistica, incentiva la micro imprenditorialità, offre sbocchi lavorativi ai giovani, fa sì che le persone rimangano a vivere in montagna, contrastando l’allarmante rischio dello spopolamento e della perdita di socialità, di tradizioni e di cultura”.

La nuova programmazione dei fondi

La presentazione della programmazione 2021/27 dei Fondi europei e del Pnrr
La presentazione della programmazione 2021/27 dei Fondi europei e del Pnrr

La coordinatrice del Dipartimento politiche strutturali e affari europei, Nadia Petterle, ha introdotto le presentazioni dei diversi Fondi mettendo in evidenza come i Programmi cofinanziati dai Fondi europei nel periodo di programmazione 2021/27 dispongano di una dotazione finanziaria notevolmente superiore a quella dei cicli precedenti e ha sottolineato l’importanza della complementarietà e del coordinamento degli interventi  finanziati dai Fondi della coesione e dal Complemento regionale di sviluppo rurale, da un lato, e dal Pnrr, dall’altro.

Per il Complemento regionale di sviluppo rurale, finanziato dal Fondo Feasr, i temi centrali sono stati quelli della sostenibilità, della qualità e del territorio, puntando ad un’agricoltura integrata nel contesto ambientale, dove pratiche virtuose garantiscono ai consumatori prodotti sani e genuini e dove la pluriattività fornisce all’economica regionale occasioni di diversificazione e di integrazione tra i settori.

I contenuti e gli obiettivi del Programma regionale Fesr 2021/27 hanno ruotato, invece, intorno ai concetti di imprenditorialità, energia e rischio idrogeologico. Il Fondo sostiene, infatti, investimenti per l’innovazione, l’internazionalizzazione e la crescita economica delle imprese valdostane, ma non solo. Risorse specifiche sono, infatti, destinate anche alla valorizzazione delle fonti di energia pulita e alla messa in sicurezza del territorio regionale – particolarmente vulnerabile dal punto di vista idrogeologico – con interventi che puntano all’adattamento ai rischi climatici.

Il Fondo Sociale Europeo Plus, per quanto di sua competenza, ha invece indicato come ambiti di azione le persone, i diritti sociali e le opportunità, in un’azione per sostenere il coinvolgimento delle cittadine e dei cittadini, l’inclusione sociale, la valorizzazione di ogni individuo nella ricerca del suo personale percorso di crescita e realizzazione, che coincide anche con l’apporto che ognuno può dare alla collettività, la promozione delle pari opportunità.

I focus dei Programmi della Cooperazione territoriale europea – facendo riferimento anche ad alcuni dei Progetti della programmazione 2021/27 già approvati – hanno riguardato, invece, i cambiamenti climatici, l’innovazione e il turismo sostenibile, concetti cruciali per il futuro della Valle d’Aosta, attorno ai quali ogni territorio darà il proprio contributo per un approccio condiviso nella soluzione di problemi comuni.

Pnrr, l’87 per cento delle iniziative è avviato

La presentazione della programmazione 2021/27 dei Fondi europei e del Pnrr
La presentazione della programmazione 2021/27 dei Fondi europei e del Pnrr

Uno spazio di approfondimento è stato poi dedicato all’attuazione, in Valle d’Aosta, degli interventi finanziati dal Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, che ha messo in luce il buono stato di attuazione degli interventi rispetto agli obiettivi attesi dal Pnrr. I progetti attuati a livello regionale hanno, infatti, raggiunto ad oggi delle buone performance, con l’87 per cento delle iniziative già avviate.

Infine, è stato presentato il Piano unitario di Valutazione della Politica regionale di sviluppo 2021/27, documento per produrre conoscenze in maniera unitaria sulle valutazioni della Politica regionale di sviluppo e dei Programmi europei. Esiti valutativi che verranno, poi, diffusi e resi utili alle Strutture regionali, agli Amministratori regionali, ai Sindaci, al partenariato locale, ma anche a tutta la comunità, in modo da poter essere informati su come vengono attuati i Programmi europei in Valle d’Aosta.

Per concludere i lavori, Caveri ha individuato, in sintesi, tre parole chiave: “dinamismo” e “adattamento” quali approcci sempre più necessari per rispondere ai rapidi cambiamenti del mondo attuale e “recupero dei cervelli” intesa come la capacità di riuscire a creare le condizioni ideali per far tornare i tanti giovani valdostani che vivono all’estero per ragioni di studio o di lavoro, il cui apporto sarà certamente prezioso per il futuro della Valle d’Aosta.

Maggiori informazioni sui diversi Programmi sono disponibili sul Canale Europa del sito della Regione, all’indirizzo www.regione.vda.it/Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte