Superbonus, la delusione degli albergatori: “Un errore averci esclusi”

A dirlo il Presidente Adava Filippo Gérard. L'agevolazione, al momento, è infatti destinata ai soli privati. Il tentativo è quello di coinvolgere i parlamentari valdostani per sostenere gli emendamenti al decreto nella fase di conversione in legge.
Filippo Gérard
Economia

Nelle ultime settimane tutto faceva presagire che ci sarebbe stata un’estensione del superbonus a tutto il settore alberghiero. Venerdì scorso, invece, il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto semplificazioni escludendo di fatto dall’agevolazione il comparto in assoluto più danneggiato e letteralmente messo in ginocchio dalle conseguenze della pandemia.

A scriverlo è l’Adava, l’Associazione degli albergatori e delle imprese turistiche, che punta il dito contro l’agevolazione che, al momento, è destinata ai soli privati – e dalla quale sono escluse le partite Iva – prevista dal decreto rilancio che eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022, per specifici interventi nell’ambito dell’efficienza energetica, dei lavori antisismici, ma anche quelli di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Ma, spiegano gli albergatori valdostani, non è troppo tardi.

“La delusione c’è e non possiamo nasconderla – ha sottolineato il Presidente Adava Filippo Gérard – soprattutto per il fatto che per noi gli investimenti sulla struttura sono essenziali per il posizionamento competitivo delle nostre imprese. Siamo però imprenditori e come tali non perdiamo la speranza: confidiamo infatti che, nella fase di conversione in legge, il provvedimento possa essere integrato dal Parlamento in chiave estensiva per gli attuali e vigenti crediti di imposta del nostro settore”.

Per il Presidente Gérard è “Un errore averci esclusi“, ma l’Associazione si sta muovendo per altre vie: “Oltre alla nostra federazione nazionale – prosegue – sulla questione abbiamo avuto modo di coinvolgere e confrontarci in modo continuo e costante anche i nostri parlamentari, il senatore Albert Lanièce e l’onorevole Elisa Tripodi. Proprio in occasione di un recente incontro avuto personalmente a Roma, entrambi hanno dimostrato grande attenzione alla questione e al nostro settore, anche grazie ad una conoscenza specifica del territorio regionale e delle peculiarità del settore turistico alberghiero valdostano. Siamo certi che, come più volte fatto in passato, saranno vicini alla categoria presentando e sostenendo degli emendamenti al decreto che possano andare nella direzione di permettere un rinnovo delle nostre strutture sul piano energetico e che questo possa rappresentare un volano da un punto di vista promozionale per presentarsi sul mercato come aziende alberghiere carbon free”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte