Aostasera.it tra le 56 testate sostenute dall’European Journalism Centre

Aostasera.it, insieme ad altre 6 testate italiane, riceverà le risorse dell'EJC messe a disposizione da Facebook per supportare l’informazione locale che ha lavorato in prima linea nel raccontare la pandemia.
Redazione AostaSera
Editoriali

Per tutti noi di Aostasera.it oggi è una giornata da ricordare. E visto che il 30 marzo scorso vi abbiamo messi al corrente delle nostre preoccupazioni per il futuro, pensiamo sia doveroso oggi condividere con voi lettori, che siete la nostra vera forza, il nostro successo.

Aostasera.it è stata selezionata, insieme ad altri 55 giornali europei (solo 7 dei quali italiani), in rappresentanza di 20 paesi, dal Regno Unito all’Ucraina, dall’European Journalism Centre (EJC), per ricevere i finanziamenti del bando – European Journalism COVID-19 Support Fund – messi a disposizione da Facebook, a supporto dell’informazione locale che ha lavorato in prima linea, con una copertura giornalistica innovativa, nel raccontare la pandemia.

Nel concreto, in “tagli” da 10mila e 25 mila euro, i fondi sono destinati ad aiutare le organizzazioni a coprire le retribuzioni dei giornalisti e dei collaboratori, integrare o sopperire alle perdite di entrate pubblicitarie, pagare l’affitto, le attrezzature e le altre tecnologie indispensabili per il nostro lavoro. Aiuti essenziali per la sopravvivenza e lo sviluppo di testate come la nostra, impegnate a informare la propria comunità in maniera costante con notizie pertinenti, chiare e tempestive sulla diffusione del virus e non solo.

Come tante altre società editoriali in Europa abbiamo partecipato al bando convinti del nostro impegno e, diciamolo, della qualità del nostro lavoro.  Mai, però, avremmo pensato di essere scelti tenuto conto che sono state 988 le testate che hanno presentato la domanda sul volet “Emergency fund”. E in Italia, Aostasera.it è l’unica testata, appartenente all’Associazione Nazionale della Stampa Online, a cui va il nostro sincero ringraziamento per il pieno sostegno e supporto nella presentazione della candidatura, ad essere riuscita nell’impresa.

In due mesi e mezzo di lockdown i nostri giornalisti non hanno mai smesso di lavorare, anzi forse hanno lavorato ancora più duramente, come promesso, producendo un totale di quasi 800 contenuti tra articoli, gallerie fotografiche, video, interviste e dirette streaming, tutti legati al Coronavirus.

A marzo, con l’esplosione dei contagi e la crescita costante delle vittime, il sito ha fatto registrare un traffico record con 4.265.717 visualizzazioni di pagina e 623.827 utenti, più del doppio del mese precedente. Numeri da capogiro confermati anche ad aprile, con 2.982.520 visualizzazioni di pagina e 420.749 utenti.

Questi fondi è evidente ci saranno di aiuto. Non so dire ora se saranno risolutivi della grave crisi che ha colpito, indirettamente, anche il nostro settore che vive grazie alle inserzioni pubblicitarie praticamente azzerate dal lockdown.

Rimane il fatto che per noi di Aostasera.it questo è un bel riconoscimento. Da sempre siamo orgogliosi della nostra indipendenza, da sempre, forse un po’ in solitudine, siamo convinti sostenitori di come il web possa essere anche il luogo per un giornalismo di qualità. Tutti i giorni siamo i giudici più severi del nostro lavoro che per noi deve essere accurato e orientato al lettore.

E questa “vittoria”, lasciatemelo dire, è un segno concreto di come la strada intrapresa sia quella giusta.

0 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società
Editoriali