In arrivo importi in busta “una tantum” per i lavoratori del commercio

L’erogazione è stata concordata da Uiltucs, Filcams Cgil e Fisascat Cisl con Confcommercio, Federdistribuzione, Confesercenti e le associazioni delle cooperative di consumo. L’obiettivo delle parti è il rinnovo contrattuale in tempi brevi.
spesa supermercato
Lavoro

Dei protocolli d’intesa finalizzati a giungere rapidamente al rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro sono stati sottoscritti dai sindacati Uiltucs, Filcams Cgil e Fisascat Cisl con Confcommercio, Federdistribuzione, Confesercenti e le associazioni delle cooperative di consumo. Nell’attesa dei rinnovi, le parti hanno convenuto sull’erogazione di importi a favore dei lavoratori del terziario/commercio, della grande distribuzione commerciale e della distribuzione commerciale cooperativa.

Ai lavoratori in forza alla data del 12 dicembre 2022 sarà corrisposto un importo “una tantum” lordo, pari a 350 euro, per il 4° livello, riparametrato sugli altri livelli d’inquadramento (dai 242 euro del settimo livello, ai 546 del primo, con la previsione di 607 euro per i quadri). L’”una tantum” verrà riconosciuto in due soluzioni: circa il 60% della somma con la retribuzione di gennaio 2023 e la parte restante in busta a marzo 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Lavoro

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte