In arrivo importi in busta “una tantum” per i lavoratori del commercio

L’erogazione è stata concordata da Uiltucs, Filcams Cgil e Fisascat Cisl con Confcommercio, Federdistribuzione, Confesercenti e le associazioni delle cooperative di consumo. L’obiettivo delle parti è il rinnovo contrattuale in tempi brevi.
spesa supermercato
Lavoro

Dei protocolli d’intesa finalizzati a giungere rapidamente al rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro sono stati sottoscritti dai sindacati Uiltucs, Filcams Cgil e Fisascat Cisl con Confcommercio, Federdistribuzione, Confesercenti e le associazioni delle cooperative di consumo. Nell’attesa dei rinnovi, le parti hanno convenuto sull’erogazione di importi a favore dei lavoratori del terziario/commercio, della grande distribuzione commerciale e della distribuzione commerciale cooperativa.

Ai lavoratori in forza alla data del 12 dicembre 2022 sarà corrisposto un importo “una tantum” lordo, pari a 350 euro, per il 4° livello, riparametrato sugli altri livelli d’inquadramento (dai 242 euro del settimo livello, ai 546 del primo, con la previsione di 607 euro per i quadri). L’”una tantum” verrà riconosciuto in due soluzioni: circa il 60% della somma con la retribuzione di gennaio 2023 e la parte restante in busta a marzo 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte