Approvato il Bilancio di previsione 2022/24 del Comune di Aosta

Dopo due giorni il Consiglio comunale approva il previsionale ed il Documento unico di programmazione. L'approvazione entro il 31 dicembre, cosa che non accadeva dal 2012, permette al Comune di evitare l'esercizio provvisorio.
L'aula del Consiglio comunale di Aosta
Politica

Dopo un lungo lavoro nelle Commissioni ed un’assemblea con qualche sorpresa – dalle 33 mozioni collegate presentate dall’opposizione e alla “maratona” fino alle 24 del primo giorno  fino alla notizia della positività al virus del Sindaco Nuti – il Consiglio comunale di Aosta ha approvato, nel primo pomeriggio di ieri, il Bilancio di previsione 2022/24 e la nota di aggiornamento al Documento unico di programmazione.

L’approvazione del documento ha visto 18 voti favorevoli e le 8 astensioni dei consiglieri dei gruppi di minoranza, senza voti contrari.

Il Bilancio approvato entro il 31 dicembre – cosa che non avveniva dal 28 dicembre 2012, relativo quindi al Bilancio 2013/15 – permetterà all’Amministrazione comunale, si legge in una nota, di essere pienamente operativa a partire dal 1° gennaio 2022, evitando l’esercizio provvisorio nei primi mesi che aveva caratterizzato gli ultimi 8 anni.

Si tratta di un risultato importantissimo – commenta la Vicesindaca con delega alle Finanze, Josette Borre – che testimonia l’impegno profuso dalla Giunta così come dai dirigenti e dagli uffici per mettere la macchina amministrativa nelle condizioni più favorevoli alla ripartenza nel nuovo anno. A tale proposito, desidero sottolineare il clima costruttivo evidenziato dai lavori consiliari. I gruppi di opposizione nel dibattito in aula non solo hanno apprezzato lo sforzo teso a chiudere il bilancio entro fine 2021, ma hanno anche valutato positivamente l’inserimento nel Dup di diversi progetti e obiettivi, in parte già realizzati, che muovono nella direzione da loro indicata nel recente passato con atti di indirizzo politico”.

Di clima produttivo parla anche il Sindaco Gianni Nuti, che spiega: “Il contesto collaborativo che ha improntato, con sfumature diverse, la discussione nell’Assemblea, evidenziata dall’astensione nel voto al Bilancio, costituisce il miglior viatico per il prosieguo della consiliatura che sarà caratterizzato da importanti investimenti per la città, destinati a cambiarne radicalmente il volto. È notizia di oggi – ieri, ndr. – che anche i progetti di rigenerazione urbana del quartiere Dora, per cui avevamo richiesto contributi ministeriali, verranno finanziati con 12,6 milioni di euro, portando il ‘tesoretto’ di cui potremo disporre a circa 44 milioni di euro destinati in gran parte alle aree periferiche di Aosta. Ci attende un anno di grande impegno, ma, auspichiamo, anche ricco di soddisfazioni per tutti i cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte