Comitato Giù le mani dalle nostre acque: “Per la quotazione in borsa di Cva serve un referendum”

A dirlo il comitato formatosi qualche mese fa: "Vogliamo che la questione diventi un dibattito pubblico, e che i valdostani siano interpellati”. E nel frattempo prosegue la raccolta delle firme per la un referendum consultivo.
Il comitato Giù le mani dalle nostre acque e dalla Cva. Da sx Egidio Lale Demoz, Tania Piras e Paolo Gino
Politica

“Il Comitato non è per partito preso contro le privatizzazioni. Si privatizzi anzi il Casinò che non ha nessuna funzione sociale tolti gli stipendi dei dipendenti. Cva invece è un'azienda seria, con gente in gamba ed impianti moderni, perché vendere una cosa che funziona bene e che rende?”.

Così Paolo Gino, del comitato Giù le mani dalle nostre acque e dalla Cva, spiega il senso della loro battaglia: arrivare a raccogliere le firme per un referendum consultivo – ad oggi le firme raccolte sono circa tremila – che dia la parola ai cittadini riguardo la quotazione in borsa della Compagnia della Acque, società partecipata dalla Regione. E a sostenere la richiesta del comitato c'è un 'endorser' importante: “In una lettera – prosegue Gino – anche l'ex Senatore Dujany spiega come prima di vendere e quotare in borsa Cva devono essere interpellati i cittadini con una discussione ampia e aperta a tutti, e chi abita e vive in Valle deve essere informato, consapevole, sperando che tenga conto di questo 'scippo' quando andrà a votare”.

Politica che diventa il vero ostacolo del comitato, tra i silenzi degli amministratori ed un confronto che – dicono i responsabili di 'Giù le mani' – latita: “Gli amministratori comunali che si sono presentati ai nostri incontri – spiega invece Tania Piras – hanno preso l'impegno di portare nei consigli l'argomento, qualcuno ci ha anche provato ma l'appoggio è poi venuto un po' a mancare”. Più tranchant, invece, Paolo Meneghini: “Alla politica fa gola incassare un tesoretto da 350/400 milioni, ma non si guarda al futuro, ad una società che introita molto e che rappresenta una rendita sicura anche per le generazioni future. L'acqua è un bene in esaurimento, da gestire per il bene della società e non degli azionisti, esclusivamente per il profitto”.

Situazione molto diversa rispetto ad altri appuntamenti referendari: “Sono tutti buoni a mettersi la 'targa' di autonomista e federalista – polemizza Alessandro Bortot – ma la verità è che poi si vendono le nostre società. Ai tempi del pirogassificatore con noi c'erano consiglieri comunali, assessori, sindaci. Ora invece Alpe è d'accordo con la quotazione decisa da Uv, e Uvp era già al governo. Non abbiamo con noi un sindaco né un consigliere comunale, l'autonomia dei sindaci finisce davanti alla porta del Consiglio regionale”.

Ex compagni di strada compresi: “L'assessore Roscio – spiega Gino – votò a favore della quotazione, e quando il MoVimento 5 Stelle propose di fermare tutto il Consiglio Valle votò contro, Roscio compreso”. Da qui, però, il comitato vuole partire: “Ora abbiamo quasi tremila firme – chiude Meneghini – e le presenteremo prima che il provvedimento si discuta in Consiglio, quando cioè politica dovrà decidere se vuole quotare Cva o no. Vogliamo che la questione diventi un dibattito pubblico, e che i valdostani siano interpellati”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte