Politica

Ultima modifica: 11 Settembre 2019 14:53

Commissione paritetica, è morto Paolo Carrozza

Aosta - Il professore Paolo Carrozza era componente designato dal Governo in seno alla Commissione Paritetica per le norme di attuazione dello Statuto Speciale.

Palazzo Regionale

Il Presidente della Regione Antonio Fosson, e il Presidente del Consiglio Valle, Emily Rini, esprimono in una nota cordoglio per la morte del professore Paolo Carrozza, componente designato dal Governo in seno alla Commissione Paritetica per le norme di attuazione dello Statuto Speciale.

“La competenza giuridica e la sensibilità culturale del professore Carrozza sono state, per sei anni, preziose nella costruzione delle norme attuative dell’ordinamento valdostano – dichiara il Presidente Antonio Fosson. La sua conoscenza dei sistemi regionali e federali ha ispirato i lavori di questo organismo e sostenuto le ragioni della nostra Autonomia con grande efficacia. La sua esperienza trentennale sempre al fianco delle Regioni speciali, e in particolare della nostra, rendono la sua scomparsa una grossa perdita per tutta la Valle d’Aosta”.

Per il Consiglio Valle, il professore Carrozza è stato, per molti anni, un collaboratore scientifico apprezzatissimo, fin dal 1989 in qualità di consulente della Commissione Speciale per le Riforme Istituzionali della nostra Assemblea, ricorda il Presidente Emily Rini. “È difficile pensare oggi, ad un più fine conoscitore e attento studioso del nostro ordinamento”.

Al ricordo dei Presidenti Fosson e Rini, si unisce anche il Presidente della Commissione Paritetica per le norme di attuazione dello Statuto Speciale, Roberto Louvin: “È una perdita dolorosissima perché con Paolo Carrozza ci lascia un amico con cui abbiamo condiviso trent’anni di studi, ricerche e battaglie a favore delle minoranze e per le Autonomie. La sua interpretazione straordinariamente acuta del Diritto costituzionale ne ha fatto un autore di primissimo piano in questo campo, ma sono soprattutto la sua lealtà e la sua vicinanza verso la Valle d’Aosta che mi preme ricordare in questo triste momento.”

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>