Politica

Ultima modifica: 12 Luglio 2019 12:16

Consiglio Valle, lotto e totocalcio esclusi dalla legge sulla ludopatia

Aosta - La modifica era nata dal dubbio interpretativo insorto, in sede di applicazione della legge regionale 14/2015, in ordine all'assoggettamento ai limiti di distanza dei locali al cui interno siano collocati i cosiddetti "corner" destinati a giochi leciti diversi dalle "new slot" e dalle "video lottery".

Con 33 voti a favore e 1 astensione (Restano) il Consiglio regionale ha approvato ieri la proposta di legge che esclude bar e tabacchini dalla legge di contrasto alla ludopatia.

“La necessità dell’intervento deriva dal dubbio interpretativo insorto, in sede di applicazione della legge regionale 14/2015, in ordine all’assoggettamento ai limiti di distanza dei locali al cui interno siano collocati i cosiddetti “corner” destinati a giochi leciti diversi dalle “new slot” e dalle “video lottery”.  – ha spiegato in aula il relatore Luca Bianchi – In particolare, l’ampia definizione contenuta nell’articolo 2 sembrerebbe precludere, sulla base dell’interpretazione letterale, l’apertura e il mantenimento dei cosiddetti “corner”, situati all’interno di esercizi pubblici e commerciali, ad esempio tabacchini e bar, qualora si trovino a distanze dai luoghi sensibili inferiori a quelle previste dalla legge, non solo ove destinati alle slot e alle video lottery, ma anche ad altre tipologie di gioco lecito in concessione statale come ad esempio le lotterie istantanee, i gratta e vinci e i giochi numerici a quota fissa, a totalizzatore e a base sportiva, come il lotto e il superenalotto e il totocalcio.”

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>