Consiglio Valle, nasce Valle d’Aosta insieme di Restano e Daudry

Jean-Claude Daudry abbandona il gruppo consiliare Alliance Valdotaine. "E' stata una scelta sofferta. Serviva uno strappo per la ripartenza" dice Daudry.
Jean Claude Daudry
Politica

La data delle elezioni regionali non è ancora stata fissata, ma in Consiglio Valle sono ripresi i riposizionamenti sullo scacchiere politico.
Jean-Claude Daudry ha deciso di abbandonare Alliance valdotaine per dare vita con il collega Claudio Restano, che rivestirà il ruolo di capogruppo, al gruppo consiliare Valle d’Aosta insieme-Vallée d’Aoste ensemble.

“E’ stata una scelta sofferta. Serviva uno strappo per la ripartenza” dice Daudry. “Rimango un eletto di Uvp, al mio movimento ho annunciato la mia decisione di auto-sospendermi. La mia uscita dal gruppo consiliare di Alliance è perché con Claudio abbiamo valutato di costruire un gruppo che possa ricostruire quell’area autonomista ora frammentata. Speriamo che, passato questo periodo, si possa parlare con tutti”.

Il dialogo sembra però già iniziato fra le mura di piazza Deffeyes con Elso Gerandin di Mouv’. “Ci sono interlocuzioni più semplici – si limita a dire Daudry – e altre che speriamo possano arrivare, non solo in città ma anche sul territorio, dove vi sono un sacco di progetti interessanti che stanno nascendo. Questo non è un nuovo partito, ma per ora è uno strumento per aprire un dialogo nell’area autonomista”.

L’esito dei dialoghi dei prossimi mesi determinerà la scelta del consigliere regionale di candidarsi alle regionali. “E’ una decisione che non ho ancora preso, il 19 aprile sicuramente non sarei stato fra i candidati, il 10 maggio, data del primo rinvio delle regionali, forse, ora vediamo quando ci sarà una data a che punto sarà il dialogo”.

Daudry nel frattempo spiega di voler continuare a sostenere le proposte del governo. “Non sono uscito da una maggioranza” sottolinea “Come tutti poi valuterò quando il Dl di assestamento arriverà in aula i vari ordini del giorno e emendamenti che ciascun gruppo porterà”.

0 risposte

  1. non so se ridere o piangere…..a mio avviso dovrebbero fondersi tutti e 36 in unico movimento/partito e il nome dovrebbe essere TUTTI A CASA PER IL BENE DELLA VALLE D’AOSTA . grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte