Coronavirus, Italia Viva VdA: “Finanziare e avviare tutte le opere pubbliche appaltabili”

I due coordinatori regionali di Italia Viva VdA chiedono inoltre "un piano urgente perché in tutti i centri abitati della nostra regione arrivi la connessione internet ad alta velocità e nel restante territorio una copertura internet stabile"
Politica

“E’ positivo che l’amministrazione regionale stia varando sostegni economici alle famiglie e alle imprese, ma per evitare una profonda crisi economica occorre urgentemente finanziare e avviare tutte le opere pubbliche appaltabili, rilanciare quanti più progetti possibili per la manutenzione delle infrastrutture e degli edifici, oltre all’indispensabile messa in sicurezza di vari ambiti territoriali”. E’ l’appello che arriva dai coordinatori regionali di Italia Viva Vda, Anita Monbelloni e Giovanni Sandri agli enti locali, alle aziende partecipate, agli enti statali a partire dall’Anas.

“L’emergenza sanitaria ha evidenziato anche inaccettabili disparità di accesso ad Internet e al lavoro da remoto – dicono ancora i coordinatori regionali di Italia Viva – chiediamo un piano urgente perché in tutti i centri abitati della nostra regione arrivi la connessione internet ad alta velocità e nel restante territorio una copertura internet stabile al servizio delle imprese di allevamento, dei rifugi e dei comprensori sciistici”.

Infine l’ultima richiesta formulata al Presidente della Regione ed all’Assessore all’Agricoltura riguarda: l’immediata apertura alla coltivazione degli orti personali, anche se non adiacenti alla residenza, in sicurezza.

0 risposte

  1. Quello che Italia Viva dimentica è che l’internet veloce e stabile era previsto nei bandi di realizzazione dei collegamenti in fibra ottica fino alle singole abitazioni legati ai bandi infratel ed aggiudicati ad open fiber, società creata da Enel sotto l’egida di un certo Mattero Renzi che tanto ha voluto che l’ha voluta. Peccato che i bandi avrebbero dovuto (irrealisticamente vista l’italica burocrazia) terminare entro il 2019 come dai documenti scaricabili da qui https://openfiber.it/area-infratel/informazioni-generali/

    Invece di tutto questo non si sà quasi nulla e sicuramente la chiusura dei cantieri legati al Covid non ha fatto altro che aumentare il ritardo.

    Se al posto che aumentare la burocrazia per qualsiasi lavoro in italia avessero cercato di semplificarla forse a quest’ora sarebbero finiti, e qui non si può che accusare il governo Renzi (il primo che ha varato il codice dei contratti, più rigido del codice europeo da cui prende spunto) e tutti i governi successivi (ma non che i governi precedenti fossero dei campioni sotto questo aspetto).

    Per cui è facile fare dichiarazioni quando non bisogna fare le cose, sopratutto quando sono esclusivamente un quaderno di desideri scollegati con le reali complessità nel fare le singole opere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte