VIDEO Politica

Ultima modifica: 25 Ottobre 2020 21:49

Coronavirus, la nuova stretta del Governo. Ristoranti chiusi alle 18. Stop allo sci, palestre e piscine

Aosta - Si va da bar e ristoranti costretti alla chiusura alle 18, allo stop per palestre e piscine, teatri e cinema anche alla Dad per le superiori per almeno il 75%. Un semi lockdown che rimarrà in vigore almeno fino a 24 novembre. 

A una settimana dall’ultimo Dpcm, con i contagi che galloppano, il Governo vara nuove DPCM_20201024. Si va da bar e ristoranti costretti alla chiusura alle 18, allo stop per palestre e piscine ma anche alla Dad per le superiori per almeno il 75%. Un semi lockdown che entrerà in vigore dalla mezzanotte di oggi e  almeno fino a 24 novembre. 

Cosa cambia con il nuovo DPCM?

BAR E RISTORANTI

Chiusura per bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie alle 18 e massimo quattro persone sedute al tavolo
, salvo siano che tutti conviventi. Festivi e domeniche comprese. Resta invece consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi ma “limitatamente ai propri clienti”. Rimangono aperti anche gli autogrill, oltre a bar e ristoranti negli ospedali e negli aeroporti. Resta consentito la ristorazione con consegna a domicilio e l’asporto fino alle ore 24.

SCUOLA

Per le scuole superiori la didattica a distanza dovrà arrivare a coprire il 75% dell’attività. Spetterà ai dirigenti decidere quali classi potranno lavorare in presenza e quali a distanza.
Viene, inoltre, chiesto alle scuole di modulare ulteriormente gli orari di ingresso e uscita degli alunni, anche utilizzando turni pomeridiani e disponendo che l’ingresso non avvenga prima delle ore 9.
Nulla cambia per il primo ciclo di istruzione, ovvero scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado.

PALESTRE E PISCINE

Con il nuovo Dpcm è arrivato anche lo stop alle attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, “fatta eccezione per quelli con presidio sanitario obbligatorio o che effettuino l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza”.

SPORT

L’altra novità è che gli stadi e i palazzetti torneranno ad essere senza pubblico, mentre finora potevano ospitare un massimo di mille tifosi. Nel nuovo Dpcm si dispone la sospensione di “eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina; restano consentiti gli eventi e le competizioni sportive, nonché le sedute di allenamento, degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza pubblico”.

CHIUSI GLI IMPIANTI SCIISTICI

Sono chiusi gli impianti nei comprensori sciistici, gli stessi potranno essere utilizzati solo da parte di atleti professionisti e non, riconosciuti di interesse nazionale dal Coni, dal comitato italiano paralimpico e dalle rispettive federazioni.

Gli impianti potranno riaprire  agli sciatori amatoriali solo subordinatamente all’adozione di apposite linee guida da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e validate dal Comitato tecnico-scientifico, rivolte ad evitare aggregazioni di persone e, in genere, assembramenti.

CHIUSO IL CASINO’

Sospese le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo e casinò.

SPETTACOLI

Non si potrà più andare al cinema o a teatro, nemmeno con il tetto dei 200 posti occupati applicato finora. Vengono sospesi anche i concerti e tutti gli spettacoli, al chiuso e all’aperto.
Chiusi anche i centri culturali, centri sociali e ricreativi. Stop anche ai parchi tematici e di divertimento. Vietate le sagre, le fiere ed eventi simili.

NIENTE FESTE

Niente feste, nemmeno con numero ridotto di invitati, comprese quelle legate a cerimonie civili e religiose. È raccomandato di non ricevere a casa persone diverse dai conviventi, salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza.

MOBILITA’

E’ fortemente sconsigliato a tutte le persone fisiche di spostarsi, con mezzi pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.

SUBITO INDENNIZZI E MISURE RISTORO 

“Non mi piace fare promesse – ha detto il Premier Conte –  ma prendere un impegno. Sono già pronti indennizzi per chi verrà penalizzato da queste nuove norme. I ristori arriveranno direttamente sui conti correnti dei destinatari attraverso accredito dell’Agenzia delle Entrate”. 

Fra le misure previste, viene cancellata la seconda rata Imu, confermata la cassa integrazione e offerta una nuova indennità mensile una tantum per stagionali del turismo e spettacolo. Viene inoltre introdotta una ulteriore mensilità per il reddito emergenza.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo