Elezioni europee: Fosson vota contro il disegno di legge “mortifica pesantemente le autonomie”

Passa il disegno di legge al Senato con le modifiche per le elezioni al Parlamento Europeo. Fosson vota contro e dice "E' un accordo di convenienza tra i maggiori partiti politici e non consentirà la rappresentanza delle piccole realtà territoriali".
Il senatore Antonio Fosson
Politica
In un'aula in cui si è appena parlato di Federalismo ora ritorna la legge dei grandi numeri che esclude chi i grandi numeri non li ha. Questa legge smentisce infine le promesse fatte da leader di grandi partiti nazionali che chiudendo la campagna elettorale in Valle d'Aosta avevano promesso un candidato valdostano alle europee.
Tutti parlano di rispetto delle autonomie ma questa legge in pratica le mortifica pesantemente!
”. Questo il commento, contenuto in una nota, del senatore valdostano Antonio Fosson, in merito alla votazione del Disegno di legge "Modifiche alla legge 24 gennaio 1979, n. 18, concernente l'elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia". A nome della delegazione delle Autonomie e delle SVP, Fosson ha espresso voto negativo.
Questo accordo tra grandi partiti è solo un accordo di convenienze e di potere che non permette la rappresentatività di piccole realtà di specificità come quella valdostana e dell' Alto Adige, riconosciute dalla Costituzione” ha aggiunto il senatore valdostano “In particolare la legge non modificata come avevamo proposto, obbliga le minoranze linguistiche riconosciute, a un apparentamento non sempre naturale. Per la Valle d'Aosta la soglia dell'apparentamento a 50.000 voti ha sempre precluso, tranne in un caso, l'elezione di un parlamentare europeo valdostano (per questo avevamo presentato un emendamento per ridurre a 25.000 questa soglia che è stato giudicato inammissibile)”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica