Politica di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 23 Febbraio 2021 16:49

I redditi dei 35 consiglieri regionali: Caveri il più ricco, Ganis a zero

Aosta - Pubblicata l'anagrafe patrimoniale dei 35 consiglieri regionali della Valle d'Aosta. Lo scettro di "Paperon de' Paperoni" va quest'anno a Luciano Caveri con 650mila euro di reddito complessivo nel 2020. All'opposto il consigliere della Lega Christian Ganis con reddito zero.

L'aula del Consiglio regionaleL'aula del Consiglio regionale

Un biglietto vincente della lotteria. E’ quanto hanno staccato, sbirciando i redditi dichiarati lo scorso anno, alcuni dei consiglieri regionali nel settembre scorso con l’elezione ad uno scranno in piazza Deffeyes.

L’anagrafe patrimoniale dei 35 rappresentanti del “popolo” è stata pubblicata oggi e riguarda i redditi 2020 (il riferimento è però all’anno d’imposta 2019).
Il nuovo “Paperon de’ Paperoni” di piazza Deffeyes è l’Assessore regionale all’Istruzione Luciano Caveri con un reddito complessivo di 650.887 euro.
Nessuno degli altri 34 consiglieri regionali riesce ad avvicinarsi all’ex presidente della regione, ex eurodeputato ed ex parlamentare.
Il secondo “più ricco” di piazza Deffeyes è “l’imperatore” Augusto Rollandin che però nel 2020 ha un reddito complessivo di “soli” 147.132 mila euro. Terzo posto sul podio per il presidente della IV Commissione Giulio Grosjacques con 142.090 euro.

In quota “100 mila” troviamo anche l’Assessore regionale alla Sanità ed ex primario Roberto Barmasse con 141.396 euro, l’ex assessore all’ambiente, attuale capogruppo di Alliance Albert Chatrian con 133.457 euro, il consigliere della Lega VdA Paolo Sammaritani con 130.231 euro, l’imprenditore unionista Roberto Rosaire con 129.392 euro, l’ex Assessore alla Sanità Mauro Baccega con 118.792 euro, l’Assessore alle attività produttive Luigi Bertschy con 113.641 euro e l’ex presidente della Regione Renzo Testolin con 113.274 euro. Esclusa di poco l’ex presidente della Regione Nicoletta Spelgatti con 99.571

Fra i “poveri” spiccano invece il consigliere della Lega VdA Christian Ganis che nel 2020 ha “zero”. Trecento euro è invece il reddito del 2020 del collega di partito Erik Lavy. Se la passano meglio il consigliere di Progetto Civico Progressista Andrea Padovani con 4.578 euro e quello del Carroccio Dino Planaz con 10.069 euro.

La classifica dei redditi complessivi dalla dichiarazione dei redditi 2020 relativi al periodo d’imposta 2019

Luciano Caveri 650.887 euro
Augusto Rollandin 147.132 (144.371 nel 2019)
Giulio Grosjacques 142.090 euro
Roberto Barmasse 141.396 euro
Albert Chatrian 133.457 (87.965)
Paolo Sammaritani 130.231 (125.436)
Roberto Rosaire 129.392
Mauro Baccega 118.792 (82.822)
Luigi Bertschy 113.641 (79358)
Renzo Testolin 113.274 (76.896)
Nicoletta Spelgatti 99.571
Chiara Minelli 88.576 (47.691)
Pierluigi Marquis 87.421 (68.719)
Luca Distort 82.461 (46.985)
Claudio Restano 72.057 (79695)
Andrea Manfrin 66.749 (44.616)
Alberto Bertin 62.918,00 (55.662)
Stefano Aggravi 60.042 (73.792)
Davide Sapinet 43.376
Antonino Malacrinò 43.282
Carlo Marzi 42.773 (42.772)
Corrado Jordan 42.728
Raffaella Foudraz 42.483
Erika Guichardaz 37.347
Marco Carrel 33.039
Aurelio Marguerettaz 32.327
Paolo Cretier 26.755
Erik Lavevaz 23.467 (26. 598)
Simone Perron 23.411
Dennis Brunod 20.701
Dino Planaz 10.069
Andrea Padovani 4.578
Erik Lavy 300
Christian Ganis 0

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo