Politica di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 28 Luglio 2021 16:05

Il Consiglio comunale vuole riunirsi in presenza. Si valutano anche sedi alternative

Aosta - Il Consigliere di Forza Italia Renato Favre chiede che le sedute tornino in presenza, magari sfruttando il "green pass". Difficile, dal momento che l'Aula di piazza Chanoux non potrebbe, con le "strettoie" Covid, contenere più di 18 persone. Un tavolo tecnico valuterà ora le possibilità.

Il Consiglio comunale di Aosta sulla piattaforma ZoomIl Consiglio comunale di Aosta sulla piattaforma Zoom

Questo Consiglio comunale “non s’ha da fare” in presenza. Almeno non per ora.

Dopo un anno e mezzo di assemblea via piattaforma Zoom, al Comune di Aosta c’è voglia di vedersi vis à vis, anche il “mix letale” tra le strettoie delle norme anti-Covid e la morfologia stessa dell’aula consiliare la fanno sembrare uno scoglio non facile da superare.

In quest’anno e mezzo, però, qualcosa è anche cambiato. Spiega infatti Renato Favre (FI), presentatore dell’ordine del giorno dal titolo – difficilmente equivocabile – “Il Consiglio comunale di Aosta torni a riunirsi in presenza”: “Con un recente Decreto legge il Presidente Draghi prevede nuove regole per l’utilizzo del green pass a partire dal 6 agosto”.

Quindi, la proposta è di vedere il certificato vaccinale stesso come lasciapassare: “Sareste d’accordo nello stabilire che tutti i consiglieri comunali dovrebbero avere la certificazione verde – aggiunge Favre –? L’aula ha avuto degli screening continui dal Comitato tecnico nostrano, che ci hanno detto che non può contenere più di 18 persone. Con la possibilità di avere la certificazione quale sarebbe ancora il problema? Oppure si può aprire un tavolo per individuare soluzioni alternative? Credo sia l’ora di vederci di persona”.

Il Presidente del Consiglio Luca Tonino (Pcp) spiega la complessità della questione: “Il Comitato di sicurezza comunale Covid ha spiegato che ad oggi non ritiene vi siano condizioni per aprire alle sedute in presenza, compresi spazi accessori all’aula, a causa delle sfavorevoli condizioni di ricambio d’aria per accogliere i 29 consiglieri ed il personale. Ad oggi è impensabile. Ci arrendiamo? No, prendo l’impegno oggi a tornare in aula il prima possibile, ma ipotizzare date e una road map è delicato”.

La soluzione, come spesso avviene, sta nel mezzo. L’ordine del giorno viene emendato con l’apertura di un tavolo tecnico con l’Ufficio di Presidenza del Consiglio, la Conferenza dei capigruppo e la Giunta assieme al Comitato di sicurezza e le disposizioni governative per “attivarsi per convocare in presenza l’Assemblea cittadina, valutando anche sedi alternative all’aula consiliare, con i necessari protocolli di sicurezza e valutando la situazione epidemiologica sul territorio”.

L’ordine del giorno, emendato, convince il Consiglio che approva all’unanimità con 29 voti. Ancora, e fino a chissà quando, con un click su Zoom.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo