Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 26 Ottobre 2020 15:29

Lega: “Senza turismo invernale non ci sarà ristoro o contributo che tenga”

Aosta - A scriverlo il Carroccio che si rivolge al neo Governo regionale per attivare i protocolli necessari, attraverso la Conferenza Stato-Regioni, per permettere la riapertura in tutta sicurezza degli impianti sciistici.

L'incontro tra gli autonomisti e la LegaLega Vallée d'Aoste

“Cosa sarebbe la Valle d’Aosta senza sci e turismo invernale? Non sarebbe la stessa. La salute di tutti va protetta sempre e comunque, proprio come stiamo facendo con le misure di distanziamento sociale e contrasto al contagio da Covid-19. Ma non possiamo pensare di mettere a rischio la sostenibilità economica, e di conseguenza sociale, di un settore cardine dell’economia valdostana”.

A scriverlo è la Lega Vallée d’Aoste, che spiega: “Senza turismo invernale non ci sarà ristoro o contributo che tenga”.

Poi l’invito al neo Governo regionale “ad attivarsi prontamente per la definizione in seno alla Conferenza Stato-Regioni dei protocolli necessari per permettere la riapertura, in tutta sicurezza, degli impianti sciistici nonché a livello locale a definire un meccanismo di coordinamento tra le varie società per evitare situazioni limite che hanno gettato discredito sull’immagine della nostra Regione”.

“Crediamo inoltre che una riapertura in tutta sicurezza – chiude la nota della Lega – debba passare necessariamente attraverso la riattivazione dei centri traumatologici presenti sul territorio al fine di scongiurare il sovraccarico dell’ospedale Parini”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>