Politica di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 11 Dicembre 2020 18:39

Riaperture delle attività, in previsione gli screening per baristi e ristoratori

Aosta - A spiegarlo l’Assessore alla Sanità Barmasse: "Si farà lo screening per dare sicurezza agli avventori e a chi lavora nei locali". Intanto l'Assessore all'Istruzione Caveri annuncia i test nel mondo della scuola. Lo screening riguarderà 14mila 668 allievi e 3mila 500 tra insegnanti, bidelli e personale di segreteria.

Bar - pub - locali

“In base al tipo di attività che vogliamo riaprire, riteniamo opportuno fare uno screening per garantire i servizi e dare maggiore sicurezza sia a chi lavora, sia a chi si reca in qualità di cliente. E questo riguarderà progressivamente tutte le categorie le cui attività verranno riaperte”.

A spiegarlo in conferenza stampa di Giunta, l’Assessore alla Sanità Roberto Barmasse che – sulla scorta delle riaperture, nella fattispecie di bar e ristoranti, annunciate per mercoledì prossimo dal Presidente Lavevaz – , aggiunge dei dettagli sulla campagna di screening dedicati alle categorie che da mercoledì prossimo potranno riaprire.

Screening per baristi e ristoratori che, prosegue Barmasse, non fa tramontare quello “a tappeto” invocato – e proposto da Alliance Valdôtaine: “Non lo esclude – ha spiegato –, soprattutto prospettiva. Stiamo vagliando quali soluzioni possano essere migliori. I 60mila tamponi arrivati dallo Stato verranno utilizzati, tra i campionamenti nelle varie categorie e un’iniziativa per testare a campione la popolazione. Oltre a questi, ci sono i 20mila circa ordinati prima ancora dall’Azienda sanitaria”.

Per bar e ristoratori, aggiunge l’Assessore: “Si farà lo screening per dare sicurezza agli avventori e a chi lavora nei locali. A meno di sorprese molto significative non verrà determina la non apertura dell’attività, perché ovviamente chi è positivo non potrà aprire”.

Un campionamento sui valdostani

Sugli screening il Presidente Erik Lavevaz precisa: “Un aspetto è quello che si farà delle categorie, ed è una logica che va dietro le aperture delle attività. Partiamo fotografando la situazione, e lo stesso discorso si farà a gennaio sulle scuole e sul resto. Diverso è lo screening sulla popolazione: se sarà come nelle altre regioni, o su tipologie territorialmente diverse lo valuteremo. L’intenzione è quella di farne uno che sia il più utile possibile dal punto di vista sanitario e anche per la profilassi”.

Barmasse aggiunge: “Si pensa di istituire uno screening su un campione rappresentativo della popolazione, per cercare di capire quali attività possano essere tenute aperte. Questo servirà per avere un riferimento diretto e costante della situazione sanitaria, e tramite i tamponi, dell’andamento epidemiologico”.

Lo screening nelle scuole

L’obiettivo è quello di riaprire in sicurezza le scuole superiori il prossimo 7 gennaio. Per questo, oltre al potenziamento dei trasporti – al momento la portata massima consentita è del 50% –  è allo studio dei due assessorati all’istruzione e ai trasporti, si sta programmando uno screening per studenti e docenti.

“Non c’è stato nessun problema con le aperture della seconda e terza media, – ha detto l’Assessore regionale all’istruzione Luciano Caveri – Ora guardiamo al 7 gennaio.”

Lo screening dovrebbe riguardare circa 18mila persone14mila 668 allievi, compresi quelli delle scuole paritarie e 3mila 500 tra insegnanti, bidelli e personale di segreteria, anche qui comprendendo le paritarie.

L’effettuazione del tampone rapido sarà facoltativa, mentre rimane obbligatorio per i docenti quello che serve per uscire dopo il decimo giorno dall’isolamento fiduciario. La Sovrintendente agli studi ha infatti diffuso una nuova circolare per definire i termini dell’obbligatorietà.

“Nel caso in cui non ci si sottoponga al tampone – ha sottolineato Caveri – bisognerà spiegare al dirigente scolastico le ragioni. Se queste non saranno ritenute credibili ci saranno delle sanzioni disciplinari”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo