Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 6 Giugno 2019 15:56

Sblocca-cantieri, Lanièce annuncia l’astensione: “Esclude i valichi alpini”

Aosta - Nel provvedimento, spiega il senatore unionista "il Governo ha escluso i corridoi internazionali, i valichi alpini e le tratte ferroviarie internazionali dall’elenco degli interventi ritenuti prioritari ed emergenziali. È un errore e un limite evidente”.

Albert Lanièce - Senatore

“Nello sblocca-cantieri il Governo ha escluso i corridoi internazionali, i valichi alpini e le tratte ferroviarie internazionali dall’elenco degli interventi ritenuti prioritari ed emergenziali. È un errore e un limite evidente di questo Provvedimento.”

Così in una nota il senatore dell’Union Valdôtaine, e vicepresidente del Gruppo per le Autonomie, Albert Lanièce spiega la ragione del voto di astensione che esprimerà nei confronti del provvedimento targato Lega e MoVimento 5 Stelle che modifica il codice degli appalti.

“Per la Valle d’Aosta – prosegue Lanièce –, ad esempio, questo significa l’ulteriore rimando della ripresa di lavori della galleria di Etroubles. Tutto questo succede a pochi giorni dalla campagna elettorale in cui autorevoli esponenti del Governo nazionale sono venuti in Valle d’Aosta ad annunciare ai cittadini e a garantire ai Sindaci lo sblocco dei cantieri e la modernizzazione della tratta ferroviaria”.

Astensione che, spiega il senatore, arriva anche a causa di alcune modifiche arrivate in corso d’opera: “Eppure – prosegue infatti Lanièce – in un primo momento la maggioranza aveva predisposto un emendamento a favore delle infrastrutture di comunicazione alpine, che poi si è trasformato in ordine del giorno, ossia in un generico impegno a occuparsene in un’altra occasione. Ma la cosa peggiore è che sono stati mantenuti prioritari solo interventi di carattere nazionale, escludendo quindi le opere necessarie al nostro territorio”.

Non una “bocciatura” tout court, però: “Per il resto – chiude la nota del senatore valdostano –, il provvedimento tenta di sburocratizzare un settore, quello dell’edilizia, che è soffocato dalla burocrazia e quindi in tal senso è apprezzabile il tentativo di fare ripartire tanti cantieri paralizzati anche da norme a volte troppo confuse e farraginose. Per questo esprimerò un voto d’astensione”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo