Scuola, Viérin ha chiesto a Profumo “più attenzione per la realtà valdostana”

A margine della “ Scuola di democrazia”, l’assessore ha affrontato con il ministro diversi argomenti tra cui le prove invalsi, l’università, i TFA e in particolare proprio il concorso bandito a livello nazionale per i posti a ruolo.
L'assessore Viérin con il ministro Profumo
Politica

"Chiediamo più attenzione nei confronti dei giovani laureati che non possono, per le regole fissate dal Ministero, partecipare al concorso pubblico per insegnanti, e delle classi di insegnamento che necessitano, in Valle d’Aosta, di personale e per le quali non è stato possibile bandire perché il MIUR non ha aperto il corrispondente bando nazionale".

Sono questi i rilievi mossi dall’assessore Laurent Viérin al ministro dell’Istruzione Profumo, a margine della “Scuola di democrazia”, durante un incontro che ha riguardato diverse questioni inerenti la scuola valdostana. L’assessore ha affrontato con il ministro argomenti quali le prove invalsi, l’università e TFA ed, in particolare, proprio il concorso bandito a livello nazionale per i posti a ruolo, esprimendo i rilievi e le preoccupazioni che l’assessorato, i sindacati ed il mondo della scuola valdostano hanno espresso e stanno vivendo rispetto al bando ministeriale.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte