Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 17 Novembre 2020 17:51

Uv: la guida del Movimento affidata al vice presidente David Follien

Aosta - In attesa di poter convocare il Congresso, probabilmente nella primavera 2021.

Comizio chiusura Union ValdotaineImmagine di archivio

Sarà il vice presidente David Follien a guidare l’Uv nell’attesa di poter convocare gli organi interni del Movimento. Come previsto, infatti, dallo Statuto il Presidente Erik Lavevaz e il vice Davide Sapinet, con l’elezione in Consiglio Valle sono decaduti dai rispettivi ruoli.

Gli altri membri del Comité Fédéral restano in carica, invece, fino al rinnovo. Oltre a Follien, il tesoriere Federico Perrin, Sara Favre, Pierre Bonel, Henry Calza, Guido Grimod, il senatore
Albert Lanièce, l’animateur della Jeunesse Valdôtaine Daniele Grange. A questi, come previsto dallo Statuto, si aggiungono il presidente della regione Lavevaz e il capogruppo Marguerettaz. Inoltre un rappresentante dei sindaci sarà nominato al posto del consigliere regionale Giulio Grosjacques.

“Il Comité continuerà a lavorare  – spiega una nota – rispettando le linee programmatiche approvate in occasione dell’ultimo congresso. Nel frattempo sarà delineato il percorso che porterà all’organizzazione del prossimo congresso nella primavera 2021. “

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo