Valle d’Aosta verso la zona bianca? Lavevaz: “I dati sono buoni, ma la situazione è fragilissima”

La zona bianca viene concessa dal Ministro Speranza con un'ordinanza. Lavevaz: "La zona bianca potrebbe essere una boccata d'ossigeno, ma dobbiamo essere tutti consapevoli che non sarebbe un traguardo stabile: la discesa dei contagi si è già arrestata, e dobbiamo sapere che la zona bianca potrebbe durare anche solo una o due settimane." 
Centro Aosta
Politica

C’è grande attesa in Valle d’Aosta per le decisioni che potrebbero arrivare nelle prossime ore da Roma e in particolare dal Ministro della Salute Roberto Speranza. Per la terza settimana consecutiva, infatti, la Valle d’Aosta registra dati da zona bianca. L’ultimo Dpcm di gennaio ha inserito all’articolo 3 questa possibilità, che dovrà essere concessa con un’ordinanza del responsabile della Salute. Il parametro sotto la lente è l’incidenza settimanale dei contagi, per tre settimane consecutive, che dovrà essere inferiore a 50 casi ogni 100mila abitanti.

“Aspettiamo il riscontro ai dati inviati, che da settimane sono buoni, ma sappiamo che la situazione è fragilissima.  – sottolinea il Presidente della Regione Valle d’Aosta Erik Lavevaz – La zona bianca potrebbe essere una boccata d’ossigeno, ma dobbiamo essere tutti consapevoli che non sarebbe un traguardo stabile: la discesa dei contagi si è già arrestata, e dobbiamo sapere che la zona bianca potrebbe durare anche solo una o due settimane.” 

In zona bianca non si applicano più le misure urgenti di contenimento del contagio, previste dall’articolo 1 del Dpcm, relative alla sospensione o al divieto di esercizio delle attività, alle quali si applicano le misure anti contagio. Bisognerà continuare a rispettare il distanziamento, usare la mascherina, ma saranno aperte palestre, piscine, bar e ristoranti.

“Servirà un’attenzione fortissima al rispetto dei protocolli e alla responsabilità individuale di ogni cittadino – prosegue Lavevaz –  per non vanificare i sacrifici fatti finora. In altre regioni la situazione è drammatica: dobbiamo quindi essere felici dei risultati raggiunti, ma sapere che la normalità può tornare solo con l’efficacia della vaccinazione di massa che partirà con l’inizio di marzo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica