Scuola, i sindacati denunciano: “Il 27 settembre gli insegnanti precari non hanno percepito lo stipendio”

A dirlo Flc Cgil, Cisl, Snals e Savt: "Seppur consci che questo sia dovuto a un tecnicismo del sistema delle buste paga denunciano come l’inizio tardivo delle scuole abbia avuto conseguenze negative non solo sull’organizzazione della didattica, ma anche sulla vita dei molti precari".
Conferenza stampa sindacati scuola - da sx Bolici, Demé, D'Agostino e Celi
Scuola

Il tono è fermo: “Le Organizzazioni Sindacali Flc Cgil, Cisl, Snals e Savt prendono atto che il 27 settembre, come prevedibile, gli insegnanti precari assunti con l’inizio delle lezioni, non hanno percepito lo stipendio”.

Tono che poi si fa più grave: “Seppur consci che questo sia dovuto a un tecnicismo del sistema delle buste paga, per cui le spettanze di settembre saranno erogate nel cedolino del mese di ottobre, le Organizzazioni Sindacali denunciano come l’inizio tardivo delle scuole abbia avuto conseguenze negative non solo sull’organizzazione della didattica, ma anche sulla vita dei molti precari che hanno percepito la disoccupazione e che, adesso, si troveranno a non percepire lo stipendio per un mese e mezzo: senza assegno di disoccupazione (che è comunque inferiore a uno stipendio pieno) e senza stipendio”.

Non solo: “La gravità di questa situazione è amplificata anche dal periodo che stiamo vivendo: infatti l’aumento del costo della vita si mostra in tutta evidenza nel quotidiano e sicuramente non rassicura nessuno, ma maggiormente tutti coloro che devono fare i conti con la precarietà del lavoro”.

“Troviamo, infine, inaccettabile – chiudono le parti sociali – che l’Amministrazione regionale, che ovviamente risponde a precisi indirizzi politici, non ponga attenzione al cittadino e di conseguenza al benessere sociale della nostra regione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Comuni
Scuola

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte