A Saint-Christophe nasce “Non abbandonarmi!”, la campagna per il corretto conferimento dei rifiuti

“Abbiamo purtroppo avuto modo di verificare che, attorno ai 'molok', alcuni cittadini abbandonano i rifiuti in maniera scorretta – spiega l’Assessora all'Ambiente Giulia Gerbore –. Per una raccolta efficace e un territorio pulito e ordinato è determinante la collaborazione dei cittadini”.
Società

Il Comune di Saint-Christophe ha avviato la campagna di sensibilizzazione Non abbandonarmi! Proteggiamo la natura.

Tutto parte da un volantino, inserito nella cassetta delle lettere di ogni nucleo familiare e consegnato chi si presenterà agli Uffici per la richiesta di residenza. Al suo interno, una serie di informazioni utili sul corretto smaltimento dei rifiuti.

“Abbiamo purtroppo avuto modo di verificare che, attorno ai molok della raccolta differenziata, alcuni cittadini abbandonano i rifiuti in maniera scorretta – spiega l’Assessora all’Ambiente Giulia Gerbore –. Per una raccolta efficace e un territorio pulito e ordinato serve l’impegno del gestore e dell’Amministrazione ma è determinante la collaborazione dei cittadini”.

Nel volantino viene spiegato anche il funzionamento dell’isola ecologica e la discarica inerti, aggiungendo informazioni sull’uso della compostiera, come alternativa alla raccolta di rifiuti organici.

All’interno dell’opuscolo, inoltre, sono anche contenuti utili consigli che ognuno può applicare nel quotidiano, per ridurre il volume dei rifiuti conferiti e migliorare la differenziazione. «

“È necessario ricordare che l’abbandono dei rifiuti è un reato – aggiunge il sindaco Paolo Cheney –, ma vorremmo evitare di dover cominciare ad applicare le sanzioni previste dalla legge. Speriamo che questo piccolo strumento ci aiuti a migliorare la situazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte