Al via dal 3 gennaio in Valle il cambio delle frequenze tv sul digitale terrestre

Il Ministero dello Sviluppo economico ha fissato dal 3 al 7 gennaio 2022 la riorganizzazione delle frequenze tv sul digitale terrestre in Valle d’Aosta.
Telecomando tv
Società

Il Ministero dello Sviluppo economico ha fissato dal 3 al 7 gennaio 2022 la riorganizzazione delle frequenze tv sul digitale terrestre in Valle d’Aosta.

I cittadini – si legge nell’apposita sezione del sito regionale – dovranno risintonizzare i canali tv per continuare a guardare i programmi televisivi. Nella maggior parte dei casi la procedura di risintonizzazione avviene automaticamente, se invece il dispositivo (tv o decoder) fosse privo di tale funzionalità, sarà necessario risintonizzare i canali manualmente.

In generale, le operazioni di riorganizzazione delle frequenze non comportano la necessità di cambiare l’apparato televisivo o l’antenna, ma in caso di persistenti problemi di ricezione si consiglia di verificare il proprio impianto di antenna. Inoltre, per tutta la regione il giorno 3 gennaio 2022, le trasmissioni di Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai News 24 e le programmazioni regionali si riceveranno su nuove frequenze. Sarà quindi necessario risintonizzare i televisori e i decoder per continuare a vedere i programmi Rai.

In Valle d’Aosta il cambio delle frequenze avverrà secondo il seguente calendario:

Lunedì 3 gennaio

Nei comuni di Allein, Aosta, Aymavilles, Bionaz, Charvensod, Courmayeur, Doues, Etroubles, Gignod, Gressan, Jovençan, La Thuile, Ollomont, Oyace, Pollein, Pré-Saint-Didier, Roisan, Saint-Christophe, Saint-Oyen, Saint-Rhémy-en-Bosses, Sarre e Valpelline.

Martedì 4 gennaio

Nei comuni di Aosta, Arvier, Avise, Aymavilles, Brissogne, Charvensod, Cogne, Doues, Gignod, Gressan,  Introd, Jovençan, La Salle, Morgex, Nus, Pollein, Quart, Rhêmes-Notre-Dame, Rhêmes-Saint-Georges, Roisan, Saint-Christophe, Saint-Denis, Saint-Marcel, Saint-Nicolas, Saint-Pierre, Saint-Vincent, Sarre, Valgrisenche, Valsavarenche, Verrayes, Villeneuve.

Mercoledì 5 gennaio

Nei comuni di Bard, Champorcher, Donnas, Fontainemore, Gaby, Gressoney-La-Trinité, Gressoney-Saint-Jean, Hône, Issime, Lillianes, Perloz, Pont-Saint-Martin, Pontboset

Venerdì 7 gennaio

Nei comuni di Antey-Saint-André, Arnad, Ayas, Bard, Brissogne, Brusson, Challand-Saint-Anselme, Challand-Saint-Victor, Chambave, Chamois, Champdepraz, Châtillon, Donnas, Emarèse, Fénis,  Issogne, La Magdeleine, Montjovet, Nus, Perloz, Pollein, Pont-Saint-Martin, Pontey, Quart, Saint-Denis, Saint-Marcel, Saint-Vincent, Torgnon, Valtournenche, Verrayese Verrès.

La “roadmap”

Secondo la nuova roadmap stabilita del Ministero dello Sviluppo economico saranno interessate dal 3 gennaio al 9 marzo la Valle d’Aosta, il Piemonte, la Lombardia (tranne la provincia di Mantova) e le province di Piacenza, Trento e Bolzano, e dal 9 febbraio al 14 marzo il Veneto, la provincia di Mantova, il Friuli Venezia Giulia e l’Emilia Romagna.

La riorganizzazione delle frequenze è già stata avviata in Sardegna il 15 novembre e si completerà il prossimo 4 gennaio con gli altri canali Rai (Rai 1, Rai 2, Rai 3 TGR Regionale e Rai News).

L’8 marzo 2022, invece, le emittenti televisive nazionali provvederanno a dismettere la codifica di trasmissione Mpeg-2 ed attivare in tutto il Paese la codifica Mpeg-4 sullo standard tecnologico DVBT, che consentirà di vedere i programmi in alta qualità solo per chi ha un televisore che supporta questa tecnologia. Fino al 31 dicembre 2022 le emittenti televisive nazionali potranno continuare comunque a trasmettere simultaneamente con entrambe le codifiche.

I cittadini che avranno necessità di cambiare il televisore o di acquistare il decoder potranno continuare a richiedere i bonus messi a disposizione dal Mise.

Nella manovra è stata inserita una nuova agevolazione che prevede la consegna dei decoder a casa degli anziani over 70 con reddito inferiore a 20.000 euro, attraverso una apposita convenzione tra Ministero e Poste Italiane Spa.

Per maggiori informazioni consultare il sito nuovatvdigitale.mise.gov.it.

Una risposta

  1. Oggi ho rifatto la sintonizzazione.
    Però non si vedono la Francia e la Svizzera.
    A. Motta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società