Società di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 4 Maggio 2021 15:38

Al via, nelle Farmacie comunali, gli sconti sugli assorbenti

Aosta - Dopo i passaggi in Consiglio comunale ed in Commissione, le Farmacie di Aosta stanno applicando quanto previsto dall'ordine del giorno "Stop Tampon Tax, Il ciclo non è un lusso": lo sconto dal 15% al 20% sugli assorbenti femminili.

Assorbenti igiene femminile igiene intima

La questione era stata sollevata prima in Consiglio comunale da Cristina Dattola (Rinascimento), poi è servito un passaggio in III e IV Commissione, dove Aps SpA aveva spiegato che la possibilità – dal punto di vista finanziario – c’era.

Due mesi dopo, ha preso il via nelle Farmacie Comunali di Aosta lo sconto dal 15% al 20% sugli assorbenti femminili, secondo quanto richiesto dall’Ordine del giorno “Stop ‘TAMPON TAX’. Il ciclo non è un lusso” che impegnava oltretutto la Presidenza del Consiglio comunale a sollecitare il Governo nazionale e i Parlamentari valdostani a prevedere iniziative legislative per l’immediata riduzione dell’IVA sui prodotti igienico sanitari femminili, dal 22%, al 4% come avviene alle vendite di generi di prima necessità.

In Italia – si legge in una nota di Comune e Aps – i prodotti igienico sanitari femminili essenziali sono sottoposti all’Iva del 22%, cioè l’aliquota massima prevista dal sistema fiscale. Eppure sono prodotti di prima necessità, come indicato anche dall’Unione Europea con la Direttiva 2006/12/Ce del 28 novembre 2006 sull’imposta di valore aggiunto che stabilisce per gli Stati membri la possibilità di applicare una o due aliquote a “prodotti farmaceutici normalmente utilizzati per le cure mediche, per la prevenzione delle malattie e per i trattamenti medici e veterinari, inclusi i prodotti utilizzati per fini di contraccezione e di protezione dell’igiene femminile”.

Direttiva che ha prodotto iniziative per la riduzione o abolizione della tassa in Francia, Scozia, Irlanda, Belgio, Spagna, Nuova Zelanda, Canada, Australia, India e Kenya.

Nel novembre del 2019 “un primo segnale di attenzione” del Governo italiano sul tema ha prodotto la riduzione dell’Iva sugli assorbenti unicamente biodegradabili e compostabili e le coppette mestruali dall’attuale 22% di un prodotto igienico femminile standard al 5%.

Una misura non sufficiente ad affrontare il fenomeno della cosiddetta povertà mestruale – chiude il comunicato -, ovvero il disagio di potersi garantire un’igiene adeguata durante tutto il periodo mestruale attraverso appositi dispositivi sanitari.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo