Al via, nelle Farmacie comunali, gli sconti sugli assorbenti

Dopo i passaggi in Consiglio comunale ed in Commissione, le Farmacie di Aosta stanno applicando quanto previsto dall'ordine del giorno "Stop Tampon Tax, Il ciclo non è un lusso": lo sconto dal 15% al 20% sugli assorbenti femminili.
Assorbenti igiene femminile igiene intima
Società

La questione era stata sollevata prima in Consiglio comunale da Cristina Dattola (Rinascimento), poi è servito un passaggio in III e IV Commissione, dove Aps SpA aveva spiegato che la possibilità – dal punto di vista finanziario – c’era.

Due mesi dopo, ha preso il via nelle Farmacie Comunali di Aosta lo sconto dal 15% al 20% sugli assorbenti femminili, secondo quanto richiesto dall’Ordine del giorno “Stop ‘TAMPON TAX’. Il ciclo non è un lusso” che impegnava oltretutto la Presidenza del Consiglio comunale a sollecitare il Governo nazionale e i Parlamentari valdostani a prevedere iniziative legislative per l’immediata riduzione dell’IVA sui prodotti igienico sanitari femminili, dal 22%, al 4% come avviene alle vendite di generi di prima necessità.

In Italia – si legge in una nota di Comune e Aps – i prodotti igienico sanitari femminili essenziali sono sottoposti all’Iva del 22%, cioè l’aliquota massima prevista dal sistema fiscale. Eppure sono prodotti di prima necessità, come indicato anche dall’Unione Europea con la Direttiva 2006/12/Ce del 28 novembre 2006 sull’imposta di valore aggiunto che stabilisce per gli Stati membri la possibilità di applicare una o due aliquote a “prodotti farmaceutici normalmente utilizzati per le cure mediche, per la prevenzione delle malattie e per i trattamenti medici e veterinari, inclusi i prodotti utilizzati per fini di contraccezione e di protezione dell’igiene femminile”.

Direttiva che ha prodotto iniziative per la riduzione o abolizione della tassa in Francia, Scozia, Irlanda, Belgio, Spagna, Nuova Zelanda, Canada, Australia, India e Kenya.

Nel novembre del 2019 “un primo segnale di attenzione” del Governo italiano sul tema ha prodotto la riduzione dell’Iva sugli assorbenti unicamente biodegradabili e compostabili e le coppette mestruali dall’attuale 22% di un prodotto igienico femminile standard al 5%.

Una misura non sufficiente ad affrontare il fenomeno della cosiddetta povertà mestruale – chiude il comunicato -, ovvero il disagio di potersi garantire un’igiene adeguata durante tutto il periodo mestruale attraverso appositi dispositivi sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte